Vaccinazioni obbligatorie in calo: è allarme

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/03/2015 Aggiornato il 25/11/2019

I genitori che decidono di non sottoporre i loro bambini alle vaccinazioni obbligatorie sono in netto aumento. Ecco per quali ragioni

Vaccinazioni obbligatorie in calo: è allarme

Un problema di sanità pubblica che non va sottovalutato, anzi una vera e propria emergenza a cui far fronte. È con questi termini che il ministro della Salute Beatrice Lorenzin si è espressa per commentare la drastica diminuzione nel numero di vaccinazioni obbligatorie effettuate negli ultimi anni in Italia.

La situazione in Italia

Se negli ultimi decenni, anche grazie alle campagne informative e al lavoro svolto dagli esperti, la copertura vaccinale è aumentata progressivamente, da qualche tempo si sta assistendo a un’inversione di rotta. È in continuo aumento, infatti, il numero di genitori che decide di rinunciare alle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate in età infantile e, in generale, il numero delle persone che rinuncia a queste misure di tutela e prevenzione.

2013, anno nero

Secondo gli ultimi dati, il picco più basso nelle coperture vaccinali medie nazionali è stato aggiunto nel 2013. Ogni anno, comunque, si assiste a una diminuzione dell’1% circa dei bambini sottoposti alle vaccinazioni. Anche l’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha ripreso l’Italia per la sua scarsa copertura vaccinale, invitandola a intervenire in materia.

Quelle per l’infanzia

A destare maggiori perplessità, nazionali e sovranazionali, sono soprattutto i dati relativi alle vaccinazioni che andrebbero effettuate nei primi 24 mesi di vita. Ossia quelle contro poliomielite, tetano, difterite, epatite B, pertosse, Hemophilus Influentiae b, morbillo, parotite e rosolia. A queste si aggiungono anche quelle contro pneumococco e meningococco.

Le ragioni del fenomeno

Ma per quali ragioni si sta verificando questo fenomeno? Sicuramente un ruolo importante è giocato dalle polemiche suscitate dai detrattori dei vaccini e dalle informazioni contrastanti sui veri o presunti effetti collaterali di alcune vaccinazioni. Alla luce di ciò, infatti, i genitori italiani hanno iniziato a nutrire dubbi e ansie. Anche il fatto che le malattie per cui ci si vaccina siano molto rare non aiuta: molti, infatti, credono erroneamente che non sia più necessario proteggersi. Invece, rinunciando ai vaccini si rischia che patologie quasi scomparse ritornino a essere frequenti. “Le vaccinazioni obbligatorie dei bambini vanno fatte, perché salvano la vita. Va detto che senza vaccinazione non esiste l’eradicazione di una malattia, perché i virus possono sempre tornare” ha ribadito il ministro Lorenzin.

 

In breve

LA PROTEZIONE È DOPPIA

Secondo gli esperti, le vaccinazioni sono una straordinaria arma di prevenzione personale e sociale. Personale perché proteggono il bimbo dall’aggressione di agenti patogeni, scongiurando la comparsa di malattie infettive. Sociale perché favoriscono la progressiva eliminazione di molte malattie infettive.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti