Vaccinazione antivaricella obbligatoria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 25/11/2019

Antivaricella, vaccinazione obbligatoria per proteggere il tuo bambino da questa malattia di origine virale

Vaccinazione antivaricella obbligatoria

Da quale malattia protegge

La varicella è una malattia esantematica tipica dell’infanzia di origine virale. Si manifesta con macchioline rosse un po’ rilevate, pruriginose, che rapidamente si trasformano in vescicole contenenti un liquido trasparente e poi in croste. Talvolta compare febbre. Di rado lascia conseguenze.

Il vaccino

È disponibile in Italia dal 2002. Dal 2009 è disponibile anche un vaccino tetravalente, in cui il vaccino anti-varicella è associato ai vaccini anti-morbillorosoliaparotite. È possibile vaccinare i bambini tra i 12 e i 15 mesi di vita: sono necessarie 2 dosi, con un intervallo preferibilmente di almeno 6 settimane tra una somministrazione e l’altra (non meno di 4 settimane). Il vaccino viene iniettato nel deltoide (muscolo del braccio). È previsto un richiamo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti