Vaccini: non abbassare la guardia!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/05/2013 Aggiornato il 26/11/2019

  Dalla Società di medicina preventiva, un appello e un sito per incentivare i vaccini come strumento di prevenzione e tutela della salute di tutti 

Vaccini: non abbassare la guardia!

Le stime non sono molto incoraggianti. Sembra infatti che quest’anno i vaccini per l’influenza siano diminuiti di circa il 20% rispetto la precedente stagione influenzale. Quest’anno è andata bene, con un’influenza di media intensità e vaccini che garantivano una discreta protezione. Tuttavia, una riduzione della copertura da vaccini potrebbe determinare seri problemi di sanità pubblica nel caso di stagioni con virus più aggressivi.

I vaccini salvano vite umane

La Siti, Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica, ha quindi lanciato un appello per incentivare la popolazione a sottoporsi alle vaccinazioni, perché “i vaccini, come la storia insegna, salvano vite umane” spiega Michele Conversano, presidente della Siti “e costituiscono un risparmio economico per il Servizio sanitario nazionale non trascurabile (ad esempio in termini di mancate ospedalizzazioni)”.

Hanno permesso di cancellare alcune malattie

Grazie alle vaccinazioni, poi, è del tutto scomparso il vaiolo, che uccideva 5 milioni di persone ogni anno nel mondo, ed entro la fine di questo decennio è prevista l’eradicazione della poliomielite. Si sta cercando poi di eliminare anche la rosolia congenita e il morbillo, che in 1 caso su 1000 provoca encefalite e in 1 caso su 10mila la morte.

Un nuovo sito

La Siti ha lanciato proprio in questi giorni anche un nuovo sito, www.vaccinarsi.org, un portale di informazione medica e scientifica a disposizione delle famiglie. 

In breve

PROTEGGONO ANCHE DALLA MENINGITE

Oggi ci sono a disposizione anche vaccini contro le meningiti e le setticemie da meningococco e da pneumococco, per le quali esistono sempre più vaccini efficaci e sicuri.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti