Vaccini obbligatori? Mamme italiane favorevoli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/10/2017 Aggiornato il 25/11/2019

Una mamma su 4 preferirebbe, però, che il numero dei vaccini obbligatori venisse ridotto

Vaccini obbligatori? Mamme italiane favorevoli

Solo una mamma italiana su dieci è contraria ai vaccini obbligatori: la maggior parte, invece – l’85% – si dichiara favorevole, anche se parecchie – il 25% – preferirebbero che il numero dei vaccini obbligatori venisse ridotto. Sono di dati del sondaggio telefonico condotto dagli psicologi dell’Associazione “Donne e qualità della vita”.

Importante la corretta informazione

Dalle risposte emerge che quasi sei mamme su dieci (per la precisione il 57%) si dichiara, rispetto ai vaccini obbligatori, “favorevole”, mentre il 18% si ritiene “abbastanza favorevole”. Il 10% sostiene di essere a favore ma con riserva, perché vorrebbe avere maggiori informazioni. A essere “contrario” è invece il 7% delle mamme interpellate, che sarebbero però eventualmente disposte a cambiare idea se correttamente informate, mentre il 3% risulta “nettamente contrario”.

Obbligatori e consigliati

Quanto al numero di vaccini obbligatori, una mamma su quattro ritiene che 10 vaccini siano troppi: in particolare il 16% pensa che si potrebbe ridurre il numero di quelli obbligatori a 8, mentre il 9% sostiene che si potrebbe addirittura dimezzare, mentre un piccolo fronte del 3% sostiene che l’obbligatorietà dovrebbe essere abolita del tutto. Una mamma su tre (il 33%) ritiene invece che 10 vaccini obbligatori siano un numero congruo, mentre l’1% vorrebbe che le vaccinazioni obbligatorie venissero portate a 14, aggiungendo anche i quattro vaccini “consigliati”.

I vaccini più importanti

Ma quali sono i vaccini considerati più importanti dalle mamme italiane per la salute del proprio bambino? Al primo posto risulta l’anti-polio, seguito dall’anti-morbillo e dall’anti-varicella, a pari merito.

 
 
 

Da sapere!

I 10 vaccini obbligatori sono quelli contro la poliomielite, la difterite, il tetano, l’epatite B, la pertosse, l’Haemophilus influentiae tipo b, il morbillo, la rosolia, la parotite e la varicella, mentre altri 4 sono “consigliate attivamente” (anti-meningococco B e C, anti-pneumococco e anti-rotavirus).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti