Vaccini: obbligo negli asili?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/11/2016 Aggiornato il 25/11/2019

Contro il calo dei vaccini in Italia, alcune regioni stanno approvando norme che obbligano i bambini che vogliono frequentare il nido a vaccinarsi. Succederà così in tutta Italia?

Vaccini: obbligo negli asili?

Negli ultimi anni si sono registrate migliaia di morti causate dai mancati vaccini, tra cui, purtroppo, anche molti bambini. A dirlo è l’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità. Per combattere questo, il premier Matteo Renzi ha da poco rilanciato la proposta che negli asili i bambini debbano essere vaccinati, prendendo come modello la regione Emilia Romagna, che sta per approvare una legge in questo senso. Ma anche Toscana e altre regioni sarebbero dello stesso avviso.

L’esempio dell’Emilia Romagna

La regione emiliana ha deciso di approvare una norma regionale a favore dell’obbligatorietà dei vaccini negli asili nidi per fare in modo che tutti i bambini possano iscriversi e frequentare la scuola protetti.

In aiuto di quelli malati

Come ha affermato il presidente dell’Iss, l’Istituto superiore della sanità, Walter Ricciardi, è importante vaccinare tutti i bambini sani anche per proteggere “quelli che per questioni di malattia non possono invece accedere alle vaccinazioni, come nel caso dei circa 1500 bimbi leucemici in Italia che tuttavia devono avere il diritto di poter andare a scuola senza rischiare”.

Ancora pochi si vaccinano

Ricciardi lancia l’allarme: “La situazione è preoccupante e i dati lo dimostrano: le coperture per tutte le vaccinazioni sono sotto il 95%, mentre per il morbillo sono addirittura sotto l’80%. Ciò significa che il pericolo è reale soprattutto per il morbillo, per il quale si prevedono centinaia di casi, con rischi di complicanze gravi con una morte ogni 10.000 casi”.

La norma pro-vaccinazioni

Oltre all’Emilia Romagna, anche la Toscana, le Marche e il Veneto starebbero per adottare delle leggi a favore dell’obbligatorietà dei vaccini negli asili. Ma, con la spinta del governo, potrebbero diventare anche di più.

Lo sapevi che…

In Italia l’obbligo dei vaccini nelle scuole è decaduto nel 1999, quando invece 30 anni prima, esattamente dal 1967, le vaccinazioni erano obbligatorie per l’iscrizione.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti