Vaccini: per la scuola sì all’obbligo del certificato

Elisa Carcano Pubblicato il Aggiornato il 06/09/2018

Sui vaccini a scuola alla fine ha prevalso il decreto Lorenzin: i bambini potranno andare al nido e all'asilo solo se muniti di certificato di vaccinazione dell'Asl. L'accesso a scuola (6-16 anni) sarà comunque consentito, ma i genitori saranno soggetti alle sanzioni previste se i figli non risultano in regola con le vaccinazioni obbligatorie

Decisione al fotofinish quella presa sui vaccini a pochi giorni dalla riapertura delle scuole: per entrare in classe sarà obbligatorio presentare il certificato dell’Asl. Con dei distinguo, però, come del resto previsto dal decreto Lorenzin: i bambini da 0 a 6 anni non potranno accedere a nidi e scuole dell’infanzia, sia pubbliche sia private, se sprovvisti della certificazione. Bambini e ragazzi della scuole primarie e secondarie (6-16 anni) invece potranno in ogni caso frequentare la scuola, ma i genitori saranno soggetti alle sanzioni previste. Intanto  i carabinieri del Nas (Nucleo antisofisticazioni) sono all’opera per verificare la veridicità delle autocertificazioni finora presentate e accettate: chi ha dichiarato il falso ha commesso un reato che sarà perseguito.

Tra emendamenti e polemiche

La maggioranza M5S-Lega, infatti, sta valutando una serie di emendamenti che abrogano dal decreto Milleproroghe approvato ai primi di agosto il comma che faceva slittare di un anno l’obbligo della presentazione del certificato Asl per i bambini di asili e materne. E che non aveva mancato di suscitare da subito vive proteste da parte della comunità scientifica (con il virologo Roberto Burioni in testa), di un nutrito gruppo di mamme di bambini immunodepressi (che avevano pubblicato una lettera sulla pagina Facebook “Io vaccino” per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla vitale importanza che hanno le vaccinazioni dei bambini  per la sopravvivenza dei loro figli) e, in ultimo, dell’Associazione nazionale presidi che aveva bocciato senza mezzi termini sia la circolare del ministro della Salute Giulia Grillo, che ammetteva l’autocertificazione, sia la proposta – sempre del ministro – di creare della classi ad hoc per i bambini immunodepressi, in modo da limitare le possibilità di contagio.

Bambini già fuori da asili e nidi

E il caos che regna intorno all’argomento vaccini ha già cominciato a mostrare i primi effetti. Nei giorni scorsi, infatti, tanti bambini sono stati respinti nei nidi e nelle materne o non si sono neppure presentati perché non in regola con le certificazioni. A Bologna, per esempio, 136 bambini non sono stati ammessi in classe, mentre  il Comune  di Milano ha mandato già 600 solleciti. A Padova, infine, una settantina i bambini non vaccinati  non si sono presentati al primo giorno di apertura degli asili nido e nelle scuole materne. Solo nelle strutture comunali, le assenze legate alle inadempienze sui vaccini sono state una ventina. “Questi bambini non possono entrare a scuola – conferma Cristina Piva, assessore comunale alle Politiche scolastiche -. I posti verranno mantenuti fino a ottobre, come se il bambino fosse in malattia. Poi, se le famiglie non avranno fatto quanto richiesto, assegneremo il posto al bambino successivo in graduatoria”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

Il decreto Lorenzin  ha riportato l’obbligatorietà per 10 vaccinazioni in seguito al preoccupante calo delle vaccinazioni stesse che ha determinato una recrudescenza di molte infezioni, morbillo in testa.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti