Vaccino anti meningococco B gratis per i neonati?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/02/2014 Aggiornato il 05/02/2014

È la proposta di un gruppo di pediatri. In Italia è da poco disponibile un nuovo vaccino anti meningococco B

Vaccino anti meningococco B gratis per i neonati?

C’è un batterio, il meningococco, che colpisce una persona ogni due giorni circa in Italia, causandone nel 14% dei casi la morte. Può infettare le meningi, causando meningiti, o infettare il sangue, evolvendo in setticemia. In caso di sopravvivenza, può comportare danni neurologici permanenti, anche quando diagnosticata tempestivamente. I dati provengono dall’Istituto superiore di sanità ed evidenziano oltre mille casi all’anno di malattie causate dal meningococco, ma potrebbero essere molti di più.

Responsabile di 6 casi di meningite su 10

Il meningococco B è responsabile di oltre 6 casi su 10 di meningite meningococcica. Può colpire tutti: adulti, ragazzi, bambini. La vaccinazione anti meningococco B è una misura efficace ed è indicata a partire dai due mesi di età.  I vaccini di nuova generazione offrono un elevato profilo di sicurezza, perché sono realizzati utilizzando batteri inattivati. Per questi motivi, il comitato scientifico promotore dell’iniziativa chiamata “Calendario per la vita”, composto da pediatri, medici di medicina generale e specialisti in igiene, medicina preventiva e sanità pubblica, propongono di inserire il nuovo vaccino anti meningococco B tra quelli offerti gratuitamente e attivamente ai lattanti.

No con altri vaccini

Restano alcune questioni logistiche da risolvere, per esempio la necessità di effettuare 4 somministrazioni in pochi mesi, evitando però l’esecuzione contemporanea del vaccino anti meningococco B con altri vaccini, per evitare fastidi e reazioni negative conseguenti alla procedura, come la febbre. La proposta, per il momento, è nelle mani delle autorità territoriali competenti, ma le società scientifiche auspicano l’inserimento di questo vaccino nello schema del Calendario per la vita.

 

In breve

NON SOLO PER LE CATEGORIE A RISCHIO

Il Calendario per la vita propone una copertura vaccinale di tutta la popolazione, non solo delle categorie a rischio, dalla nascita a 100 anni, includendo tutti i vaccini utili alla promozione di un ottimale stato di salute.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti