Vaccino Anti Pertosse bambini: cosa è, quando farlo, effetti indesiderati

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 19/02/2020 Aggiornato il 19/02/2020

Tutte le informazioni sul vaccino anti pertosse: cosa è, come funziona, quando vaccinare il neonato e come segnalare gli effetti indesiderati all'Agenzia del Farmaco.

Pertosse: a rischio se si saltano le dosi del vaccino

CHE COS’E’

Questo vaccino protegge dalla pertosse, una malattia che prima della sua messa a punto rappresentava una delle cause più frequenti di morte in età pediatrica. Della pertosse è responsabile il Bordetella pertussis, un batterio che aggredisce le vie respiratorie provocando accessi di tosse talvolta così forti da aprire la strada al rischio di soffocamento. La tosse può permanere per mesi, debilitando il bambino, che può apparire sempre abbattuto, avere poco appetito e subire un arresto della crescita  Oltre ai pericoli rappresentati dalla malattia in sé, la pertosse può avere una temibile complicanza: l’encelofalopatia, ossia una sofferenza del cervello che può causare danni irreversibili. Il batterio si trasmette per via inalatoria, cioè attraverso il contatto diretto con le goccioline di saliva di un malato.

Come funziona la vaccinazione anti pertosse

Il preparato vaccinale antipertosse contiene antigeni purificati. Significa che contiene particelle del batterio trattate in modo da sollecitare il sistema di difesa naturale a produrre anticorpi contro il Bordetella pertussis senza essere così aggressive da scatenare la malattia.  La vaccinazione antipertosse viene eseguita nel bambino di pochi mesi in associazione con altre cinque vaccini: difterite, tetano, poliomielite, epatite B, Haemophilus influenzae tipo b (vaccinazione esavalente).

Dove si effettua

Il vaccino antipertosse viene iniettato in un muscolo, in genere nella coscia dei bambini fino a due anni di età o nella parte superiore del braccio nei bambini più grandi.

Chi deve fare la vaccinazione anti pertosse

E’ obbligatoria per tutti i bambini.

Il calendario vaccinale

  • La prima dose viene somministrata, in forma esavalente, all’inizio del terzo mese di vita (dal 61mo giorno di vita).
  • La seconda dose viene somministrata, in forma esavalente, all’inizio del 5° mese di vita (dal 121mo giorno di vita).
  • La terza dose  viene somministrata, in forma esavalente, a 11 mesi compiuti.

Sono previsti richiami tra i 5-6 anni e poi a 15 anni

E’ un vaccino sicuro?

La vaccinazione antipertosse non apre la strada a particolari rischi. In particolare, eventuali effetti indesiderati sono infinitamente meno pericolosi di quanto lo sarebbe per il bambino contrarre la malattia.

Possibili effetti indesiderati

  • Indolenzimento, gonfiore, rossore nel sito di iniezione
  • Irritabilità
  • Sonnolenza
  • Stanchezza
  • Perdita dell’appetito
  • Febbre
  • Vomito e diarrea

Immunizzazione

Come gli altri vaccini, questa vaccinazione può non proteggere completamente tutti i bambini vaccinati.  Va detto comunque che la pertosse contratta da un bambino vaccinato si manifesta comunque in forma lieve. Si può affermare che nella stragrande maggioranza dei casi il vaccino antipertosse assicura un’efficace copertura.

Quando rimandare la vaccinazione?

La vaccinazione va rimandata in caso di infezione grave con febbre elevata (oltre 38°C). Una infezione lieve, come per esempio il raffreddore, non impone obbligatoriamente di rinviare la vaccinazione ma va segnalata al medico.

A chi segnalare reazioni causate dal vaccino

Eventuali reazioni avverse al vaccino, anche diverse da quelle elencate, si possono segnalare all’Agenzia del Farmaco 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti