Vaccino più efficace contro la pertosse

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/07/2013 Aggiornato il 30/07/2013

Novità sul fronte vaccinazioni: un cambio dell'adiuvante attuale, un sale di alluminio, potrebbe potenziare l'efficacia del vaccino contro la pertosse

Vaccino più efficace contro la pertosse

Torna alla ribalta la pertosse e contro questa malattia, che colpisce soprattutto i più piccoli, c’è una novità sul fronte della vaccinazione. Un cambio dell’adiuvante potrebbe potenziare l’efficacia del vaccino contro la pertosse.  A dirlo è uno studio del Trinity College di Dublino pubblicato sulla rivista scientifica Plos Pathogens.

La proposta irlandese

Per aumentare l’efficacia del vaccino, i ricercatori irlandesi propongono il cambio di quest’ultima componente, allo scopo di stimolare una maggior produzione di cellule Th1 del sistema immunitario: “sostituendo l’adiuvante attuale, un sale di alluminio, con uno fatto con il Dna del batterio si dovrebbe riuscire a stimolare la risposta giusta” sostengono.

Vaccinare i più piccoli

La vaccinazione contro la pertosse è consigliata soprattutto nei bambini molto piccoli, perché può colpire a partire dai 40 giorni di vita e, in alcuni casi, può richiedere la terapia intensiva in ospedale. La diagnosi deve essere tempestiva e i genitori devono essere sensibilizzati a far effettuare i richiami vaccinali ai propri figli anche in età adolescenziale.

Un’infezione delle vie respiratorie

La pertosse è un’infezione delle vie respiratorie causata dal batterio Bordetella pertussis. È caratterizzata da una tosse violenta che finisce con il tipico urlo inspiratorio quando il malato inspira. I primi sintomi della pertosse sono simili a quelli di un raffreddore: naso che cola, starnuti, tosse lieve, febbre leggera. Dopo circa una o due settimane la tosse secca e irritante evolve in tosse convulsiva: il bambino può diventare rosso o violaceo; passata la crisi il bambino emette il caratteristico urlo durante l’inspirazione e non sono rari uno o più conati di vomito.

Il ritorno della malattia

Negli ultimi anni si è verificata un “ritorno” della pertosse in Italia, con un incremento di 10 volte superiore rispetto agli anni 80, nonostante l’esistenza, da decenni, di un vaccino efficace. In questi ultimi anni, infatti, si è avuta una “disattenzione” da parte dei pediatri basata sulla convinzione che la malattia fosse oramai contenuta. Ma così non è.

 

In breve

CHE COS’È L’ADIUVANTE

L’adiuvante è la molecola che serve a stimolare la risposta immunitaria e accompagna le parti del microrganismo responsabile della patologia. In passato veniva utilizzato integralmente il batterio, una tecnica assai efficace ma con molti effetti collaterali. Ora il vaccino è composto solo da alcune parti del microrganismo e da un adiuvante.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti