Varicella: allarme malattia, 50mila i casi segnalati solo a maggio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/06/2014 Aggiornato il 04/06/2014

Malattia varicella: un picco di casi nel mese di maggio con migliaia di contagiati tra bambini. In alcune regioni però è già attiva la sperimentazione del vaccino

Varicella: allarme malattia, 50mila i casi segnalati solo a maggio

Prendendo in considerazione le prime due settimane del mese di maggio i pediatri hanno stimato la presenza in Italia di almeno 50 mila casi di varicella fra i bambini da 0 a 12 anni, la fascia d’età più colpita. Il picco è stato a maggio, ma i casi di bimbi che presentano i sintomi di questa malattia esantematica continueranno anche questo mese, almeno fino alla chiusura delle scuole, quando si assisterà a un rapido calo di nuovi casi. Una piccola ripresa si potrà avere ancora a settembre con la riapertura delle scuole.

I casi nelle diverse regioni italiane

La distribuzione dei casi di varicella nelle diverse regioni del nostro Paese non è stata uniforme, ma a macchia di leopardo. Questo perché alcune regioni hanno avviato un progetto pilota riguardante  la sperimentazione del vaccino anti-varicella e proprio in queste aree il virus ha colpito meno. Una nuova testimonianza che le vaccinazioni vanno fatte. In Veneto, Provincia autonoma di Bolzano, Toscana, Puglia, Sicilia, Basilicata e Calabria i casi rispetto alle altre regioni italiane sono stati inferiori, appena 5mila contro i 45.000 del resto d’Italia. Queste statistiche sembrano comprovare l’efficacia dell’immunizzazione.

I rischi della varicella 

La varicella può colpire a qualunque età, ma una volta avuta non dovrebbe più tornare. Prendere la varicella da adulti, oltre che fastidioso, può portare a complicanze quali gravi problemi respiratori, senza contare che la durata può essere maggiore rispetto a quella dei bambini. Si tratta inoltre di una malattia potenzialmente pericolosa per le donne in gravidanza, che possono più facilmente contrarre la polmonite. Nel 2014 i casi di varicella tra adulti sono stati molti di più rispetto agli scorsi anni. 

In breve

ATTENZIONE AI CONTAGI

Il periodo di incubazione della varicella di solito è di 14-21 giorni. La trasmissione della malattia avviene per via aerea mediante le goccioline respiratorie diffuse nell’aria quando una persona affetta tossisce o starnutisce, o tramite contatto diretto con le lesioni (vescicole). Si è contagiosi da 1-2 giorni prima fino a circa 5 giorni dopo la comparsa delle prime vescichette. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza che non si annuncia dopo 7 mesi di tentativi: si deve ricorrera alla PMA?

24/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Di solito, se la coppia è giovane, prima di indagare sulla sua fertilità, si attende che trascorra un anno di tentativi di concepimento andati a vuoto. Qualora il ginecologo suggerisca di ricorrere alla procreazione medicalmente assistita prima di questo lasso di tempo probabilmente esclude la possibilità...  »

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti