Varicella: allarme malattia, 50mila i casi segnalati solo a maggio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/06/2014 Aggiornato il 04/06/2014

Malattia varicella: un picco di casi nel mese di maggio con migliaia di contagiati tra bambini. In alcune regioni però è già attiva la sperimentazione del vaccino

Varicella: allarme malattia, 50mila i casi segnalati solo a maggio

Prendendo in considerazione le prime due settimane del mese di maggio i pediatri hanno stimato la presenza in Italia di almeno 50 mila casi di varicella fra i bambini da 0 a 12 anni, la fascia d’età più colpita. Il picco è stato a maggio, ma i casi di bimbi che presentano i sintomi di questa malattia esantematica continueranno anche questo mese, almeno fino alla chiusura delle scuole, quando si assisterà a un rapido calo di nuovi casi. Una piccola ripresa si potrà avere ancora a settembre con la riapertura delle scuole.

I casi nelle diverse regioni italiane

La distribuzione dei casi di varicella nelle diverse regioni del nostro Paese non è stata uniforme, ma a macchia di leopardo. Questo perché alcune regioni hanno avviato un progetto pilota riguardante  la sperimentazione del vaccino anti-varicella e proprio in queste aree il virus ha colpito meno. Una nuova testimonianza che le vaccinazioni vanno fatte. In Veneto, Provincia autonoma di Bolzano, Toscana, Puglia, Sicilia, Basilicata e Calabria i casi rispetto alle altre regioni italiane sono stati inferiori, appena 5mila contro i 45.000 del resto d’Italia. Queste statistiche sembrano comprovare l’efficacia dell’immunizzazione.

I rischi della varicella 

La varicella può colpire a qualunque età, ma una volta avuta non dovrebbe più tornare. Prendere la varicella da adulti, oltre che fastidioso, può portare a complicanze quali gravi problemi respiratori, senza contare che la durata può essere maggiore rispetto a quella dei bambini. Si tratta inoltre di una malattia potenzialmente pericolosa per le donne in gravidanza, che possono più facilmente contrarre la polmonite. Nel 2014 i casi di varicella tra adulti sono stati molti di più rispetto agli scorsi anni. 

In breve

ATTENZIONE AI CONTAGI

Il periodo di incubazione della varicella di solito è di 14-21 giorni. La trasmissione della malattia avviene per via aerea mediante le goccioline respiratorie diffuse nell’aria quando una persona affetta tossisce o starnutisce, o tramite contatto diretto con le lesioni (vescicole). Si è contagiosi da 1-2 giorni prima fino a circa 5 giorni dopo la comparsa delle prime vescichette. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti