Varicella e herpes zoster possono provocare l’ictus

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 09/02/2018 Aggiornato il 08/08/2018

Tra i giovani i casi di ictus cerebrale sono raddoppiati in 10 anni. Colpa anche di un legame con varicella e herpes

Varicella e herpes zoster possono provocare l’ictus

A occuparsi del legame tra alcune patologie infettive, come varicella e herpes zoster, e il rischio di ictus cerebrale anche nei più giovani, dove risulta raddoppiato negli ultimi dieci anni, è stata recentemente la Federazione A.L.I.Ce. Italia Onlus.

Picco tra 1 e 4 anni

Nel nostro Paese il 90% dei casi di varicella interessa bambini fino a 14 anni di età, in particolar modo tra 1 e 4 anni, e la stima è di circa 500.000 casi all’anno. La varicella, causata dal virus Varicella Zoster, può comportare complicanze dovute a un processo infiammatorio definito encefalite post infettiva, con gravi manifestazioni neurologiche, tra cui disturbi della coscienza di vario grado e crisi epilettiche.

Il Fuoco di sant’Antonio

Dopo l’infezione primaria, il virus rimane allo stato latente per tutta la vita nelle radici dei nervi sia cranici sia spinali. Con il progredire dell’età si può riattivare, provocando la tipica eruzione cutanea caratterizzata da bollicine e croste distribuite in varie zone del torace e della testa, accompagnate da bruciore e dolore, a volte intenso: questo fenomeno è noto come come herpes zoster (volgarmente chiamato Fuoco di sant’Antonio) e colpisce circa 300mila italiani all’anno.

A rischio bambini e adulti

In chi ha avuto lo zoster è stato rilevato un rischio aumentato di essere colpito da ictus pari a circa 1,5 volte rispetto a chi non ha avuto varicella e herpes zoster.  Ecco perché è stato rilevato un legame del virus con l’ictus cerebrale sia nei bambini sia negli adulti.

 

 

Da sapere!

Contro la varicella è efficace il vaccino, reso obbligatorio dall’ultimo decreto del governo in ambito di vaccinazioni.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti