Varicella: vaccinato solo un bambino su tre

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2017 Aggiornato il 25/11/2019

Eppure le complicazioni cui possono andare incontro i piccoli che si ammalano di varicella possono essere anche gravi e comportare il ricovero in ospedale

Varicella: vaccinato solo un bambino su tre

Il vaccino contro la varicella è ancora poco conosciuto tra le famiglie italiane: sebbene, infatti, sia disponibile ormai in Italia da una decina d’anni, nel 2015 risulta vaccinato solo un bambino su tre (il 31%). Eppure in alcuni casi le complicazioni cui i piccoli possono andare incontro, nel caso in cui si ammalino di varicella, possono essere anche gravi.

Malattia tutt’altro che banale

Come spiega Susanna Esposito, pediatra del Policlinico dell’Università  degli Studi di Milano e presidente di Waidid, Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici, “la varicella è una malattia tutt’altro che banale e solo chi non ha vissuto le possibili complicazioni può prenderla sotto gamba. I genitori e i bambini che, invece, devono ricorrere alle cure ospedaliere si rendono subito conto di quanto sarebbe stata importante la prevenzione”.

Complicazioni anche severe

Infezioni della pelle, polmonite, complicanze a carico del sistema nervoso centrale: diverse sono le complicazioni che possono portare un bambino con varicella a essere ricoverato in ospedale. Secondo un’indagine condotta da Datanalysis su 500 genitori che hanno avuto il figlio ricoverato per questa malattia o per le sue complicazioni, il 67,2% dei genitori intervistati consiglierebbe la vaccinazione e un altro 26,4% risponde che forse sì, la consiglierebbe. Prima di avere il figlio ricoverato, però, ben il 57% degli intervistati – e quindi più della metà – ignorava l’esistenza del vaccino.

L’efficacia del vaccino

Gli esperti assicurano che il vaccino risponde ai requisiti richiesti di efficacia e sicurezza. “I dati mostrano che, dove si usa, l’infezione cala drasticamente e rapidamente”, afferma Giovanni Gabutti, ordinario di Igiene e Medicina Preventiva all’Università  degli Studi di Ferrara. Basta guardare all’esempio della Sicilia, la prima regione in Italia a introdurre il vaccino nel 2003: in dieci anni si è passati da 1,1 a 0,1 casi di varicella ogni mille abitanti.

 
 
 

In breve

IL CALENDARIO DA SEGUIRE

La vaccinazione contro la varicella comprende due dosi di vaccino da somministrare una nel secondo anno di vita e una tra i 5 e i 6 anni. Può essere somministrata insieme con la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia, grazie anche alla disponibilità  di vaccini combinati che consentono la vaccinazione contro le quattro malattie con una sola iniezione. Si possono vaccinare anche ragazzi più grandi se non hanno fatto la malattia da piccoli.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti