Varicella: vaccinato solo un bambino su tre

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 12/01/2017 Aggiornato il 12/01/2017

Eppure le complicazioni cui possono andare incontro i piccoli che si ammalano di varicella possono essere anche gravi e comportare il ricovero in ospedale

Varicella: vaccinato solo un bambino su tre

Il vaccino contro la varicella è ancora poco conosciuto tra le famiglie italiane: sebbene, infatti, sia disponibile ormai in Italia da una decina d’anni, nel 2015 risulta vaccinato solo un bambino su tre (il 31%). Eppure in alcuni casi le complicazioni cui i piccoli possono andare incontro, nel caso in cui si ammalino di varicella, possono essere anche gravi.

Malattia tutt’altro che banale

Come spiega Susanna Esposito, pediatra del Policlinico dell’Università  degli Studi di Milano e presidente di Waidid, Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici, “la varicella è una malattia tutt’altro che banale e solo chi non ha vissuto le possibili complicazioni può prenderla sotto gamba. I genitori e i bambini che, invece, devono ricorrere alle cure ospedaliere si rendono subito conto di quanto sarebbe stata importante la prevenzione”.

Complicazioni anche severe

Infezioni della pelle, polmonite, complicanze a carico del sistema nervoso centrale: diverse sono le complicazioni che possono portare un bambino con varicella a essere ricoverato in ospedale. Secondo un’indagine condotta da Datanalysis su 500 genitori che hanno avuto il figlio ricoverato per questa malattia o per le sue complicazioni, il 67,2% dei genitori intervistati consiglierebbe la vaccinazione e un altro 26,4% risponde che forse sì, la consiglierebbe. Prima di avere il figlio ricoverato, però, ben il 57% degli intervistati – e quindi più della metà – ignorava l’esistenza del vaccino.

L’efficacia del vaccino

Gli esperti assicurano che il vaccino risponde ai requisiti richiesti di efficacia e sicurezza. “I dati mostrano che, dove si usa, l’infezione cala drasticamente e rapidamente”, afferma Giovanni Gabutti, ordinario di Igiene e Medicina Preventiva all’Università  degli Studi di Ferrara. Basta guardare all’esempio della Sicilia, la prima regione in Italia a introdurre il vaccino nel 2003: in dieci anni si è passati da 1,1 a 0,1 casi di varicella ogni mille abitanti.

 

 

In breve

IL CALENDARIO DA SEGUIRE

La vaccinazione contro la varicella comprende due dosi di vaccino da somministrare una nel secondo anno di vita e una tra i 5 e i 6 anni. Può essere somministrata insieme con la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia, grazie anche alla disponibilità  di vaccini combinati che consentono la vaccinazione contro le quattro malattie con una sola iniezione. Si possono vaccinare anche ragazzi più grandi se non hanno fatto la malattia da piccoli.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho usato un coltello sporco: rischio la toxoplasmosi?
19/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non si è immune alla toxoplasmosi, durante la gravidanza è sempre meglio non usare lo stesso coltello sia per sbucciare la frutta non lavata sia per affettarla.   »

Fibroma e gravidanza
05/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono fibromi che per collocazione e dimensione non interferiscono sulla possibilità di iniziare e portare a termine una gravidanza,  »

Terzo cesareo a due anni dal secondo: quali pericoli?
22/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

In realtà i rischi legati a un terzo cesareo sono più o meno gli stessi dei due cesarei precedenti.   »

Fai la tua domanda agli specialisti