Virus Marburg: rischio basso per l’Italia

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 29/09/2021 Aggiornato il 29/09/2021

Trasmesso anche’esso dai pipistrelli, come il Covid-19, il Virus Marburg ha però poche probabilità di diffondersi nel nostro Paese. Ecco perché

Virus Marburg: rischio basso per l’Italia

Nelle scorse settimane è stato registrato il primo caso in assoluto di decesso da virus Marburg in Africa occidentale. Si tratta di un virus trasmesso molto probabilmente dai pipistrelli che causa una febbre emorragica molto pericolosa, simile a quella scatenata dal virus Ebola. L’evento ha messo in allerte l’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha lanciato un allarme di rischio pandemico a livello nazionale e regionale. Al di fuori dell’Africa, però, i rischi sono bassi. Anche in Italia la situazione è del tutto sotto controllo.

Di che cosa si tratta

Il virus Marburg è un microrganismo che nell’uomo può causare la febbre emorragica di Marburg, una malattia molto contagiosa e pericolosa. Si manifesta con sintomi caratteristici: febbre elevata, forte mal di testa, emorragie e sanguinamenti abbondanti, crampi, nausea, vomito, diarrea, dolori diffuso, malessere generale. L’esordio è acuto; la situazione è critica fin da subito e può aggravarsi con il passare delle ore. Si calcola che il tasso di mortalità oscilli tra il 24% e l’88%.

Come si trasmette

Ancora oggi non si conoscono con certezza il serbatoio e il vettore. Tuttavia, in passato il virus è stato identificato più volte nei pipistrelli e si sono verificati diversi casi di malattia in persone che avevano avuto contatti con questi animali. Sembra che gli esseri umani possano contagiarsi mangiando le carni e toccando i tessuti di pipistrelli infetti.

La trasmissione da uomo a uomo avviene attraverso il contatto con i fluidi corporei (saliva, sangue, vomito, urine, feci, sudore, latte, sperma) di una persona sintomatica infetta, che diventa contagiosa solo da quando sviluppa i sintomi. 

La situazione attuale

Fino a oggi, la maggior parte delle epidemie di infezioni da virus Marburg si è verificata nell’Africa sub-sahariana e Africa centrale. La scorsa estate è stato registrato il primo caso in Guinea. L’Oms considera “alta” la minaccia a livello nazionale e regionale ma “bassa” a livello internazionale. 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il virus Marburg appartiene alla stessa famiglia del virus Ebola. Si tratta di microrganismi molto virulenti. Le malattie da essi scatenate sono rare, ma possono causare epidemie a elevata mortalità.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Problemi di linguaggio in bimbo di tre anni

21/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A fronte di evidenti difficoltà di linguaggio, in un'età in cui ci si aspetta che il bambino sappia utilizzare un certo numero di parole e di frasi compiute, sono opportuni un controllo audiologico e una valutazione da parte del neuropsichiatra infantile.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti