Alimentazione: quanto sono sicuri gli imballaggi dei cibi?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/08/2014 Aggiornato il 14/08/2014

Alimentazione: la riduzione del tempo a disposizione per cucinare ha determinato la crescita di prodotti già pronti, conservati in packaging. Ma sono sempre idonei? 

Alimentazione: quanto sono sicuri gli imballaggi dei cibi?

Salvaguardare il cibo è sempre stata una necessità, fin dai tempi del paleolitico. Ma se allora si usavano le anfore di terracotta per conservare gli alimenti, senza alcun sicurezza sulla loro affidabilità. Oggi sono diversi i materiali messi a contatto con le pietanze per proteggerli e ritardare i processi di deterioramento.

Come devono essere i packaging

Per la sicurezza dell’alimentazione, devono essere in grado di contenere gli alimenti a seconda del loro stato, ossia solidi e liquidi. Inoltre, devono proteggerli dalla luce così come dall’aria, dal calore e dalle polveri, dalle contaminazioni biologiche (virus, parassiti, batteri) e dall’umidità. Devono anche garantire un elevato grado di conservabilità, senza intaccarne la qualità. Per fare ciò è necessario che i materiali posti a contatto con gli alimenti siano innanzitutto sicuri: non rappresentano un rischio per la salute pubblica quando non danno luogo a trasferimenti di materia verso l’alimento (e viceversa) e non modificano le caratteristiche organolettiche dell’alimento.

Che cosa dice la legge italiana

Molto severa in fatto di alimentazione, l’Italia è stata la prima nazione a regolamentare la materia nel 1973. Poi è arrivato il regolamento 1935 del 2004 per uniformare la legislazione in Europa. A seguire: il numero 2023 nel 2006 (che introduce il concetto delle buone pratiche di fabbricazione) e il numero 10 del 2011 (che regolamenta l’utilizzo delle plastiche a contatto con gli alimenti). Eppure, nonostante tutte queste cautele, la materia continua a essere complessa. La diversa sensibilità tra gli Stati, relativamente alla tutela del consumatore, ha fatto sì che nel tempo venissero adottate restrizioni particolari.

I casi del bisfenolo A e della melammina

Il bisfenolo A è un componente della plastica che in tutta Europa non si utilizza più per la preparazione degli utensili destinati ai bambini, mentre Canada, Stati Uniti, Norvegia e Svezia lo hanno eliminato anche dall’elenco delle sostanze consentite per la fabbricazione di materiali e oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti. La melammina, invece, è contenuta in alcuni utensili per la cucina e contenitori, ma è soprattutto utilizzata come adulterante in alcuni alimenti proteici. Famoso il caso della truffa sul latte cinese: contando sull’apporto di azoto della melammina, i produttori l’avevano utilizzata per “allungare” la bevanda e far emergere un maggiore contenuto proteico, in realtà dovuto soltanto all’aggiunta di azoto.

Rischi o benefici per la salute?

In uno scenario così ancora poco bene definito, molti studi analizzano i possibili effetti di alcune sostanze utilizzate nei materiali da contatto con gli alimenti. L’ultimo è quello di un gruppo di ricercatori, pubblicato sul Journal of Epidemiology & Community Health, che pur non avendo trovato correlazioni tra questi inquinanti chimici e malattie croniche come diabete, obesità, cancro e disordini neurologici e infiammatori, ha riaffermato che la ricerca deve guardare sempre con maggior attenzione a questo settore, considerando che le esposizioni sono sempre più frequenti e il numero dei materiali a contatto con gli alimenti cresce in maniera costante.

In breve

LE REGOLE DA SEGUIRE

– I contenitori in alluminio non sono idonei al contatto con alimenti acidi o salati: meglio utilizzarli per conservare i cibi in freezer o in frigorifero, a patto di consumarli entro ventiquattro ore.
– Gli ftalati, impiegati come additivi delle plastiche, devono essere tenuti lontani dai grassi: quindi si consiglia di non coprire i formaggi con la pellicola.
– Per i contenitori di ceramica nessun problema, a meno che lo smalto sia rovinato: in quel caso, per evitare la migrazione di ioni di metalli come il piombo e il cadmio, meglio sostituirli. Idem per le padelle.
– Per i contenitori in plastica nessuna particolare restrizione, a meno che la stessa non compaia sull’etichetta al momento dell’acquisto.
– L’utilizzo delle plastiche riciclate, è stato regolamentato dall’Efsa a partire dal 2012. L’ok è arrivato subito per i contenitori destinati alla conservazione di bevande analcoliche ed è stato esteso da poche settimane a tutti gli alimenti conservabili a temperatura ambiente. Una sola restrizione: no all’utilizzo nel forno a microonde.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti