Abbronzatura: solo il meglio dell’estate con la campagna “Sole Sicuro”

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/06/2014 Aggiornato il 16/06/2014

Per un abbronzatura sana, è partita la campagna “Sole Sicuro”  promossa da Ômia Laboratories e Aideco

Abbronzatura: solo il meglio dell’estate con la campagna “Sole Sicuro”

Un abbronzatura sicura e senza danni per la pelle. Per informare e sensibilizzare sui tanti benefici ma anche sui possibili rischi dell’esposizione al sole, Ômia Laboratories, azienda cosmetica di prodotti eco-biologici, e Aideco, l’associazione italiana dermatologia e cosmetologia, hanno messo a punto la campagna “Sole Sicuro” per educare alla prevenzione dei danni da foto-esposizione e suggerire il corretto utilizzo dei prodotti solari, anche

per i bambini. Abbronzatura si, ma con giudizio.

Due test di partenza

Sul portale www.solesicuro.it si possono trovare consigli, suggerimenti e informazioni preziose per assicurarsi un’estate serena e senza rischi, prendendo dal sole solo il meglio di quello che può offrire. Due semplici test permettono di scoprire qual è il proprio fototipo e che rapporto si ha con il sole, passo indispensabile per stabile una strategia di protezione su misura.

Tanti consigli utili

Sempre nell’ambito della campagna “Sole Sicuro” i dermatologi Aideco informano sugli aspetti positivi e negativi dell’esposizione ai raggi solari affrontando i temi dell’irraggiamento solare, dell’utilizzo dei prodotti di protezione e offrendo una serie di preziosi suggerimenti sullo stile di vita da adottare in estate per garantirsi un’abbronzatura intensa senza danni per la pelle.

L’importanza dei solari

La campagna “Sole Sicuro” punta in modo particolare l’attenzione sull’importanza dei solari, su come sceglierli e come usarli al meglio. Offre inoltre una panoramica completa dei solari proposti da Ômia Laboratories, formulazioni biologiche certificate che arginano tutti i possibili rischi del sole in modo naturale, prendendosi cura della pelle, anche la più sensibile, perché possa affrontare in serenità l’incontro con il sole. Approvati da Aideco, i solari Ômia EcoBioSun contengono filtri solari fisici che assicurano massima protezione minimizzando il rischio di allergie e prevenendo i danni da radicali liberi. Contengono inoltre una selezione esclusiva di oli naturali e biologici selezionati per le loro proprietà idratanti, nutrienti e foto protettive. Privi di parabeni e conservanti, sono perfettamente tollerati anche da una pelle sensibilizzata dall’esposizione solare. Le formule sono stabilizzate e preservate dalla Vitamina E, altro valido aiuto nella prevenzione del danno cellulare indotto dai radicali liberi.

In breve

CONSIGLI ANCHE VIA MAIL

Sempre sul Sul portale www.solesicuro.it. esperti di dermatologia, cosmesi e certificazione biologica rispondono alle domande più frequenti in tema di esposizione e di protezione solare offrendo anche la possibilità di ottenere un aiuto personalizzato via mail.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Utero setto: operare o no prima di una gravidanza?

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

La tendenza di oggi è di non intervenire sempre e comunque in caso di utero setto, ma solo in determinate condizioni.  »

Gravidanza e dubbi sulla vitamina D

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vitamina D, anche se assunta in dosi superiori al fabbisogno, non provoca danni al feto.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti