Allenarsi a tempo di musica è meno faticoso

Luce Ranucci A cura di Luce Ranucci Pubblicato il 11/09/2019 Aggiornato il 11/09/2019

Secondo diversi studiosi la fatica derivante dall’allenamento svolto con un sottofondo musicale allegro è percepita come meno faticosa, rispetto alle sessioni svolte senza musica

Allenarsi a tempo di musica è meno faticoso

Una musica dal ritmo allegro aiuta a rendere meno duro un allenamento rigoroso. Questo è il suggerimento che arriva dall’Università della British Columbia  che ha analizzato i legami tra la musica e lo sport. L’allenamento a intervalli ad alta intensità (con brevi periodi di esercizio intenso separati da periodi di riposo), che viene fatto per diverse settimane, arriva a migliorare la salute fisica. Ma secondo i ricercatori può essere percepito come estenuante per molte persone, specialmente per i meno attivi. Così, per cercare di capire come rendere questa pratica di allenamento meno dura, ai partecipanti della ricerca è stato chiesto di allenarsi a tempo di musica.

Come si è svolto lo studio

Sono stati completati gli esercizi in tre diverse condizioni: con la musica motivazionale dal ritmo allegro, con nessun audio e con un podcast privo di musica. È qui gli studiosi hanno notato una frequenza cardiaca più elevata e un picco di potenza nella sessione con la musica motivazionale rispetto alle sessioni senza audio e con il podcast. “La musica è tipicamente usata come strategia dissociativa. Ciò significa che può distogliere l’attenzione dalle risposte fisiologiche del corpo all’esercizio fisico come l’aumento della frequenza cardiaca o dei muscoli irritati – dice Matthew Stork, ricercatore che ha condotto l’analisi – Ma con l’esercizio ad alta intensità, sembra che la musica sia più efficace quando ha un tempo veloce ed è altamente motivazionale”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Per ottimizzare l’attività in palestra o il sollevamento pesi è bene allenarsi a tempo di musica: è dimostrato che determinati stimoli sensoriali hanno la potenzialità di mitigare le percezioni legate alla fatica, indurre risposte psicofisiche più positive, regolare l’attivazione e migliorare il controllo neuronale dei muscoli coinvolti nello sforzo fisico.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti