Andare al lavoro in autobus aiuta a restare in forma

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 01/10/2014 Aggiornato il 01/10/2014

Meglio lasciare a casa la macchina. Una ricerca inglese ha dimostrato che andare al lavoro in autobus aiuta a restare in forma

Andare al lavoro in autobus aiuta a restare in forma

È un dato ormai certo: fare movimento con regolarità è la chiave per conquistare salute e per non far salire troppo l’ago della bilancia. Spesso, però, riuscire a ritagliare il tempo per lo sport tra i tanti impegni quotidiani è una vera impresa. La soluzione? Sfruttare le occasioni di movimento che si presentano durante la giornata, per esempio, prendere l’autobus per raggiungere il luogo di lavoro il mattino e per rientrare a casa la sera.

La macchina sta meglio in box

Buona idea sarebbe quella di lasciare a casa la macchina: una ricerca inglese ha dimostrato, infatti, che andare al lavoro in autobus aiuta a restare in forma. Ideale sarebbe, a dire il vero, spostarsi a piedi oppure in bicicletta ma, non potendo scegliere queste due soluzioni, funziona anche quella di muoversi con tram, metrò e autobus che costringono comunque a fare scale e tratti di strada a piedi.

Pendolare = magro?

Condotto dalla London School e dall’University College di Londra, lo studio ha dimostrato che modificare le proprie abitudini circa la pendolarità può essere un modo per fare movimento in maniera indiretta e, quindi, per non aumentare di peso. Il punto di partenza della ricerca è stato proprio la costatazione che i tassi di obesità sono più alti nelle zone in cui ci si sposta quasi esclusivamente in auto. Per contro lo studio ha dimostrato che andare al lavoro con i mezzi pubblici aiuta a restare in forma proprio perché consente di muoversi, sia pur in maniera non continuativa.

Controlli su 7.000 lavoratori

I ricercatori hanno monitorato circa sette mila persone delle quali il 76% degli uomini e 42% delle donne usano l’auto per andare al lavoro, il 10% degli uomini e l’11% delle donne si spostano con i mezzi mentre il 17% dei maschi e il 14% delle femmine utilizza la bicicletta. Valutando l’indice di massa corporea e una serie di altri dati che possono influire sul grasso corporeo, i ricercatori sono giunti alla conclusione che chi si sposta regolarmente con l’automobile ha un indice di massa corporea superiore rispetto a chi va a piedi o con i mezzi. Il che tradotto in numeri rappresenta circa 7 chili in meno per chi si muove senza auto, con un picco di 15 in alcuni soggetti, ottima ragione per sostenere che andare al lavoro con i mezzi pubblici aiuta a restare in forma.

Fa bene anche alla salute

Se questo studio poi si è concentrato sul peso, bisogna tener conto che ci sono altre ricerche che mostrano come le persone che non guidano l’auto per andare al lavoro hanno meno probabilità di avere pressione alta e diabete. Davvero una sana abitudine, quindi, che non solo mantiene in linea ma preserva la salute. 

In breve

AL LAVORO IN TRAM? RESTI IN FORMA E RISPARMI

Andare al lavoro con i mezzi pubblici aiuta a restare in forma perché è un modo indiretto di fare movimento. Senza accorgersene si bruciano calorie e l’ago della bilancia non sale. Senza considerare che il biglietto costa meno della benzina…

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti