Arancia rossa: elisir di bellezza per la pelle

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 04/03/2016 Aggiornato il 04/03/2016

Non solo spremute. L’arancia rossa protegge la pelle anche dagli effetti negativi del fumo e del sole. Ecco come approfittare delle potenzialità di questo agrume

Arancia rossa: elisir di bellezza per la pelle

L’arancia rossa è un frutto prezioso per la salute che la dieta mediterranea, modello di alimentazione sana, consiglia di mangiare con regolarità. La novità è che l’arancia rossa è anche un elisir di bellezza per la pelle. Una crema a base di questo agrume mediterraneo sarebbe infatti in grado di proteggere l’epidermide dai danni provocati dal sole e dal fumo delle sigarette.

Tre tipi diversi di arance rosse

Di recente il Crea, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, con il suo centro ad Acireale, ha dato il via a uno studio per valorizzare la biodiversità genetica e migliorare la qualità nutrizionale e salutistica della frutta. Attraverso un test sull’epidermide, il Crea ha dimostrato l’ottimo effetto foto-protettivo dell’estratto concentrato di arance rosse delle varietà ‘Tarocco’, ‘Moro’ e ‘Sanguinello’, decisamente migliore rispetto a un altro antiossidante naturale, il tocoferolo, comunemente utilizzato in cosmetica.

Un estratto concentrato specifico per la cute

L’elisir di bellezza per la pelle si chiama ‘Roe’ (Red Orange Extract) ed è ottenuto dal succo dell’arancia rossa che contiene circa il 20% di ingredienti attivi come antocianine, flavanoni, acidi idrossicinnamici e vitamina C, tutte sostanze antiossidanti naturalmente presenti nel frutto fresco.

Contro i radicali liberi

La capacità dell’arancia rossa di contrastare i radicali liberi è stata provata da un test: l’estratto, applicato su eritemi indotti sull’epidermide da lampade Uv in alcuni volontari, è stato in grado in poco tempo di inibirli, evidenziando così l’ottima attività fotoprotettiva dell’arancia.

Antinfiammatorio

In un altro studio è stata valutata anche l’attività antinfiammatoria del Roe per la protezione dell’organismo dall’attacco dei radicali liberi generati dal fumo delle sigarette e, anche in questo caso, i risultati ottenuti sono stati molto incoraggianti. L’arancia rossa è quindi un elisir di bellezza per la pelle grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e potrebbe avere un impiego dermatologico per uso topico per mitigare gli arrossamenti tipici di alcune patologie infiammatorie che possono colpire la cute.

 

 
 
 

DA SAPERE

 

SÌ A SPREMUTE E CREME CON VITAMINA C

In attesa che la crema all’arancia rossa arrivi sul mercato, si possono sfruttare le ottime proprietà antiossidanti di questo frutto bevendo ogni giorno una spremuta. Per la cura della pelle si possono scegliere invece trattamenti a base di vitamina C, di cui le arance sono particolarmente ricche: hanno un deciso effetto rivitalizzante e protettivo e in più aiutano a schiarire la pelle attenuando le macchie scure e ridando luce e uniformità al viso.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti