Attenzione alle tinte low cost

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 19/06/2015 Aggiornato il 19/06/2015

Il dermatologo boccia le tinte low cost: possono essere un pericolo per la salute. Ecco perché

Attenzione alle tinte low cost

La crisi si fa sentire, in tutte le scelte, anche quelle relative alla bellezza. È per questo che sono sempre di più le donne che optano per soluzioni a poco prezzo per acconciare i capelli. Ma attenzione: le tinte low cost possono essere un pericolo per la salute della pelle e dei capelli.

Il parere del dermatologo

La conferma arriva da Fabio Rinaldi, dermatologo a Milano, docente a La Sorbona di Parigi e presidente dell’Ihrf (International hair research foundation). “Da qualche mese assistiamo a un incremento esponenziale di pazienti che arrivano in studio dopo aver fatto tinte di dubbia provenienza che hanno provocato reazioni infiammatorie, anche di una certa entità”.

Tanti rischi

Una conferma diretta che le tinte low cost possono essere un pericolo: il loro utilizzo può provocare dal semplice prurito, fino a infiammazioni di una certa entità che, come conferma il dermatologo, non vanno trascurate perché possono a lungo andare portare all’alopecia cicatriziale con una caduta anche significativa dei capelli. Evitare questi prodotti è un bene per tutti, ma in particolare per chi ha una forte sensibilità e presenta capelli fragili, facili alla caduta.

Attenzione anche agli altri trattamenti

Se le tinte low cost possono essere un pericolo, altrettanto succede con altri trattamenti offerti a prezzi stracciati come la permanente che, a seguito dell’utilizzo di liquidi di scarsa qualità, può provocare la rottura dei fusti dei capelli e fenomeni irritativi anche molto intensi. Naturalmente il consiglio è quello di andare subito dal dermatologo qualora dopo un trattamento si avvertisse prurito e bruciore e si notassero chiazze arrossate.

Meglio affidarsi a mani esperte

Per evitare questi problemi le soluzioni sono due: rivolgersi a un parrucchiere che offra massime garanzie di professionalità e quindi di sicurezza oppure, qualora si scelgano soluzioni low cost, portare da casa una tinta fai-da-te di un marchio noto, sicura non solo nel risultato ma anche nell’azione sul cuoio capelluto e sui capelli. Attenzione comunque che i problemi non riguardano solo i capelli.

Problemi anche per le mani

Anche la manicure può essere pericolosa se viene eseguita in locali dove l’igiene è scarsa. Il primo pericolo è il patereccio, un’infezione importante delle cuticole delle unghie, dovuta il più delle volte all’uso di strumenti infetti ma anche a smalti di scarsa qualità o solventi contenenti sostanze chimiche particolarmente aggressive. Non è il caso naturalmente di generalizzare: quello che conta quando si decide di rivolgersi a un salone per capelli o per la manicure low cost è controllare attentamente le condizioni igieniche del negozio e la preparazione del personale, per poi sincerarsi che gli attrezzi utilizzati per tagliare i capelli o sistemare le unghie siano stati opportunamente sterilizzati con gli appositi apparecchi.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Altro elemento fondamentale è farsi mostrare la lista dei prodotti disponibili: alcuni potrebbero non essere a norma CE (basta leggere sulla scatola) e, in questo caso, non conviene usarli poiché non si sa neanche che cosa contengano.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti