Aumento del seno: 5 cose da sapere

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/07/2016 Aggiornato il 19/07/2016

Ecco 5 cose che è importante sapere prima di sottoporsi a un intervento per l’aumento del seno

Aumento del seno: 5 cose da sapere

Vietato prendere a modello il décolleté di attrici e showgirl e particolare attenzione al chirurgo, cui ci si rivolge. Sono queste alcune delle cinque cose da sapere prima di decidere per un aumento del seno. Dei 17 mila interventi di chirurgia estetica eseguiti lo scorso nel mondo, la maggior parte interessa proprio questa parte così importante della figura femminile.

Il ritocco più richiesto

Anche in Italia del resto la mastoplastica additiva rimane a oggi il ritocco più richiesto tra i 20 e i 40 anni. Prima di affrontare un intervento di aumento del seno occorre, però, sapere cinque cose fondamentali, sottolineate da Pierfrancesco Bove, chirurgo plastico fondatore del surgery network ChirurgiadellaBellezza insieme con il collega Raffaele Rauso.

Non imitare le star

Il primo errore da non fare è chiedere al chirurgo un décolleté come quello di un personaggio famoso. Bisogna sempre rispettare l’armonia e la proporzione del corpo e assecondare le caratteristiche fisiche della paziente senza cercare di riprodurre quelle di qualcun’altra o le indicazioni della moda del momento. Anche le misure delle protesi vanno ben calibrate. Un buon chirurgo ascolta i desideri della paziente ma se necessario deve saperli moderare soprattutto se le richieste vanno verso aumenti eccessivi che danno effetti innaturali.

Rispettare le proporzioni

Un seno molto prorompente su un fisico asciutto risulta, infatti, artificiale senza dimenticare che a lungo andare un peso eccessivo può causare problemi alla spina dorsale. Ecco perché è importante prima dell’intervento simulare una “preview” del risultato definitivo facendo indossare delle apposite coppe mammarie alla paziente al di sotto di uno specifico reggiseno.

Occhio all’età

Mai dimenticarsi dell’età, non tanto quella che si ha ma quella che si avrà. Le donne più giovani devono capire che con il tempo il corpo cambia: un seno da pin up oggi potrebbe generare più di un problema domani. Meglio evitare sempre protesi troppo grandi che alla lunga potrebbero dare più preoccupazioni che soddisfazioni.

La scelta della protesi

Tra le cinque cose da sapere prima di un aumento del seno c’è anche il fatto che la scelta del tipo di protesi è determinante. In commercio ne esistono di molte marche diverse tra le quali è difficile orientarsi. La paziente può chiedere, però, se la casa produttrice della protesi che il chirurgo propone garantisce a vita l’impianto mammario: questo è sinonimo di serietà dell’azienda che è talmente sicura della qualità dei propri prodotti da farsene carico a tempo indeterminato.

I tempi di recupero

Importante infine tener conto dei tempi di recupero post intervento. La mastoplastica additiva è un’operazione a tutti gli effetti e richiede alcune accortezze nel post-intervento per ridurre i rischi. Anche in questo caso comunque la scelta del chirurgo è determinante. Esistono, infatti, particolari procedure che permettono di ottimizzare i tempi dell’intervento (mezz’ora circa contro le due ore di una mastoplastica tradizionale), riducendo l’edema, il gonfiore, il dolore e quindi i tempi di recupero.

 

 
 
 

lo sapevi che?

I costi della mastoplastica additiva vanno da un minimo di 4.500-5.000 euro a un massimo di 12.000 euro.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti