Beauty sporco? I batteri proliferano!

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 05/02/2020 Aggiornato il 05/02/2020

Beauty sporco, cosmetici e accessori vecchi e poco puliti diventano terreno fertile per la proliferazione di batteri pericolosi per la salute

Beauty sporco? I batteri proliferano!

Puliamo cassetti e armadi, scrivanie e persino il solaio, ma lasciamo il beauty sporco. Non dimentichiamolo, è il consiglio della dottoressa Alessandra Vasselli, cosmetologa Aideco (Associazione italiana dermatologia e cosmetologia). Non solo perché con il disordine si perde tempo ma anche per una questione di sicurezza dal momento che prodotti scaduti, lasciati aperti da tempo o mal conservati possono essere veicolo di batteri che, passando sulla pelle, finiscono per creare una serie di fastidiosi problemi.

Ricettacolo di batteri

La conferma arriva da uno studio dell’Aston University pubblicata sul Journal of Applied Microbiology. Secondo i ricercatori inglesi la maggior parte di prodotti e accessori da trucco non viene pulita e conservata a dovere e diventa un ricettacolo di batteri pericolosi. Analizzando mascara, spugnette per il trucco e lucidalabbra gli studiosi hanno verificato che nove prodotti su dieci risultavano contaminati e quindi possibili responsabili di infezioni se usati vicino ad occhi e bocca o in presenza di tagli ed escoriazioni. Con rischi ovviamente più elevati nel caso di soggetti immunodepressi e quindi maggiormente esposti alle infezioni. Tra i vari prodotti le spugnette da trucco sono risultate quelle più contaminate dai batteri visto che nel 93% dei casi non erano mai state pulite e nel 64% erano persino cadute a terra.

Controllare la scadenza

Il primo consiglio dell’esperta? In campo di bellezza, buttare tutto quanto è rotto, non si usa, non piace nel colore, non soddisfa, dà fastidio quando lo si applica. Di quello che si tiene poi va controllata la data di scadenza che è presente per legge sui prodotti che hanno una durata inferiore ai trenta mesi. Per tutti gli altri il riferimento è il PAO, il periodo di utilizzo dopo l’apertura indicato con il simbolo di una scatola aperta e un numero: va da sé che per sapere quando buttare un prodotto sarebbe sempre opportuno, al primo utilizzo, annotare la data di apertura sul prodotto stesso o con un appunto.

Verificare segni di deterioramento

E poi bisogna lavorare con buon senso. Qualsiasi cambiamento di odore, colore e consistenza, la presenza di macchie oppure di zone poco omogenee è un segnale di deterioramento che suggerisce di buttare il prodotto. In tutti i casi è bene considerare che i cosmetici in polvere, che non contengono acqua, hanno una durata maggiore di emulsioni, creme e gel. In sostanza ciprie, blush, terre e ombretti durano sicuramente di più di mascara, fondotinta, BB, creme colorate e rossetti. La cosmetologa suggerisce di pulire con cura anche i pennelli e le spugnette.

 

 

DA SAPERE

LAVARE OGNI 15 GIORNI

Il lavaggio con acqua tiepida e un detergente delicato andrebbe programmato ogni quindici, venti giorni ricordando di far asciugare sempre bene il tutto all’aria prima di usarlo di nuovo: l’umidità è un terreno su cui i batteri proliferano.

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti