Bellezza sempre più high tech

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 08/03/2017 Aggiornato il 08/03/2017

Ecco le soluzioni avveniristiche per una bellezza high tech: dalla spazzola che ti dice come pettinarti allo specchio che imposta il programma di fitness. Gli ultimi prodigi dell'elettronica

Bellezza sempre più high tech

Parola d’ordine: high tech. Ci sono le spazzole “intelligenti” che ascoltano il fruscio dei capelli per suggerire come pettinarli correttamente, gli epilatori capaci di “leggere” le esigenze della pelle e spazzolini che sanno dove agire, senza dimenticarsi neppure dell’angolo più remoto della bocca. In un futuro che sembra sempre più vicino arriveranno anche specchi che fanno l’analisi della pelle per suggerire i cosmetici giusti da utilizzare per curarla.

Elettronica al servizio della cosmesi

Insomma, anche la bellezza è sempre più high tech, come ha dimostrato il CES di Los Angeles, la più grande fiera della tecnologia, dove accanto ad auto che si guidano da sole, lavatrici in grado di fare due lavaggi in contemporanea e ombrelli che prevedono la pioggia, molte sono state le novità elettroniche dedicate alla cura del viso, del corpo e dei capelli.

Cure speciali per i capelli

Perché se da un lato il mondo della bellezza ricerca sempre più la naturalità con uno sguardo rivolto alla tradizione, dall’altro punta con decisione in avanti con proposte high tech. Così le maschere per il viso si attivano con lo smartphone, mentre fasce laser promettono di far ricrescere i capelli. Accanto al casco per una “light therapy” stimolante che contrasta la fragilità e la caduta, per chi ha tanti capelli, la novità è la spazzola smart Hair Coach, vincitrice del premio per l’innovazione al CES 2017. Partendo dal presupposto che spazzolate troppo vigorose rovinano la fibra, con il supporto di sensori e di una app, la spazzola suggerisce come procedere per avere una chioma a posto senza rotture neppure sulle fragilissime punte.

Bocca in primo piano

Sempre in tema di bellezza high tech ci sono anche una serie di proposte che aiutano le donne, indecise e frettolose, a fare le scelte giuste quando si parla di prendersi cura del viso, del corpo e anche del sorriso. Un esempio, è lo spazzolino che “indirizza” la mano nei punti più nascosti per non dimenticare neppure un dente al momento della pulizia. Una preziosa guida di bellezza è data anche dallo specchio capace di fare l’analisi della pelle e suggerire non solo i prodotti di cura, ma persino il tipo di trucco da adottare, con la possibilità di scegliere tra cinque varianti, dal make up adatto all’ufficio a quello per una sera speciale.

 

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

È in arrivo lo specchio che in venti secondi scansiona il corpo, scopre dove si annida il grasso e imposta i corretti programmi di allenamento.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti