Botulino: boom di ritocchi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/09/2016 Aggiornato il 07/09/2016

È la soluzione soft più gettonata contro i segni del tempo: italiani sempre più conquistati dal botulino

Botulino: boom di ritocchi

Piace agli italiani sempre di più. Il botulino, che permette di correggere rughe e rughette capaci di aggiungere anni al viso, è tra le soluzioni più apprezzate oggi per dare una rinfrescatina generale al look. Nel 2015  l’incremento delle richieste in Italia è stato del 12,5%, un dato raccolto dall’Aiteb, l’Associazione italiana terapia estetica botulino, che conferma la crescita nel ricorso a questo trattamento iniziata già nel 2013.

Cresce la fiducia

Fino all’anno precedente la preferenza per le iniezioni spiana-rughe era prerogativa estera: oggi, invece, sono sempre di più gli italiani che hanno fiducia nel botulino e chiedono con tranquillità agli specialisti di iniettarlo per contrastare le rughe di espressione dovute alla continua contrazione dei muscoli facciali. Il mercato della tossina botulinica oggi conta in Italia un giro di affari di 20 milioni di euro, con circa 300 mila trattamenti e 120 mila pazienti che si sono sottoposti alle iniezioni negli ultimi dodici mesi. I numeri sono ancora lontani da quelli della Gran Bretagna e degli Usa, dove il botulino è il trattamento di medicina estetica () più praticato. In ogni caso l’Italia si posiziona in Europa tra i cinque Paesi che più lo utilizzano e quello che ha fatto registrare negli ultimi tempi un incremento maggiore della pratica: 12,5% rispetto all’8% della media degli altri Paesi.

Podio conteso con il filler

In Italia, infatti, filler e botulino si contendono il podio del trattamento più gettonato a differenza del Regno Unito dove la preferenza va netta al botulino. In Germania la tossina va forte, ma anche i filler sono apprezzati: si tratta del Paese dove il mercato è più equilibrato e maturo, disposto a seguire le indicazioni dei medici che di volta in volta possono suggerire un trattamento piuttosto che un altro. La Francia è la maggior consumatrice di acido ialuronico mentre la Spagna, fanalino di coda, registra uno scarso interesse per entrambi i trattamenti.

Usato da 12 anni

Importante sapere, in ogni caso, che il botulino è stato approvato per fini estetici in Italia da dodici anni: seguendo le indicazioni della Food and Drugs Administration che regolamenta l’utilizzo di farmaci e presidi negli Stati Uniti, nel 2004 l’Agenzia italiana del farmaco ne ha consentito l’impiego per la glabella, la zona tra le arcate sopracciliari. È, invece, solo del 2014 l’autorizzazione da parte dell’Aifa all’utilizzo del botulino per la correzione delle rughe attorno agli occhi. Naturalmente come per tutti i trattamenti di medicina estetica, anche per il botulino vale la regola che le iniezioni possono essere fatte esclusivamente da medici, dermatologi e medici estetici.

 

 

 
 
 

da sapere!

Sono da evitare in maniera tassativa tutte quelle situazioni, dove il botulino possa essere iniettato da persone non autorizzate, senza le dovute conoscenze e le necessarie precauzioni.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni sulla pelle dopo il vaccino anti-Covid

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Le eventuali reazioni locali all'inoculazione del vaccino possono essere controllate con pomate a base di antistaminico.  »

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti