Campioni prova dei cosmetici: sono un covo di batteri

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 20/03/2015 Aggiornato il 20/03/2015

Attenzione al momento dell’acquisto: i campioni prova dei cosmetici possono essere una fonte di infezioni

Campioni prova dei cosmetici: sono un covo di batteri

Provare trucchi e cosmetici è un gesto molto comune soprattutto in un momento di crisi quando ogni acquisto va ponderato con una certa attenzione. Attenzione però alla salute. I campioni prova dei cosmetici sono un covo di batteri che possono rivelarsi un pericolo per la pelle e non solo. I tester di matite, gloss, rossetti e mascara e i flaconi prova di creme e altri cosmetici che si prelevano con le dita nascondono, infatti, una carica variabile di microrganismi patogeni che può essere trasmessa facilmente da una cliente all’altra.

Trovati anche virus

Recentemente uno studio del Jefferson Medical College della Pennsylvania ha indagato sui rischi nascosti nei campioncini di prova stabilendo che nel 67% fino al 100% di quelli analizzati erano presenti batteri e virus, tra i quali l’escherichia coli e l’herpes simplex. Ecco allora che provando e riprovando si può rischiare di prendersi una congiuntivite o un herpes, se chi usando il test in precedenza accusava lo stesso disturbo. I campioni prova dei cosmetici sono un covo di batteri anche perché restano costantemente aperti, esposti all’aria e al calore: possono quindi facilmente alterarsi e diventare terreno ancora più facile di contaminazione batterica con conseguenze dannose, al momento del contatto, sulla pelle che può irritarsi e arrossarsi.

Come prevenire i rischi

La soluzione? Acquistare tutti i prodotti cosmetici senza provarli oppure se proprio non si resiste alla tentazione di toccare  la consistenza di una crema o di sperimentare un colore, meglio provare il prodotto sul dorso della mano prelevandolo magari con un bastoncino di cotone onde evitare di toccarlo ulteriormente. Sui rossetti e su altri trucchi in stick si può anche passare prima un fazzolettino per cercare di eliminare la parte più superficiale del prodotto.

Non provare i prodotti per gli occhi

In ogni caso proprio perché i campioni di prova sono un covo di batteri è molto importante evitare di provare qualsiasi prodotto, dal mascara, alle matite, dai correttori antiocchiaie alla crema per il contorno occhi, che sia destinata alla zona delicatissima degli occhi. In questi casi l’acquisto a “scatola chiusa” è d’obbligo, a meno che non si trovino bustine monodose o confezioni formato ridotto che consentano una prova in tutta sicurezza.

 

 

 

in breve

ECCO PERCHÉ IL RISCHIO CONTAMINAZIONE È ALTO 

Restano sempre esposti all’aria e vengono toccati da mani diverse. Ecco perché i campioni prova sono un covo di batteri: testare un colore oppure una consistenza prima dell’acquisto di un rossetto o di una crema può diventare così un pericolo per la salute della pelle e dell’intero organismo. 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti