Casalinga disperata? Ecco i trucchi brucia grassi

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 08/08/2014 Aggiornato il 08/08/2014

Poco tempo per tenersi in forma? Anche l’attività della casalinga può servire per bruciare i grassi e tonificare i muscoli

Casalinga disperata? Ecco i trucchi brucia grassi

Sempre di corsa tra lavori di casa, gestione dei figli e magari anche lavoro. Il tempo per l’attività fisica per le donne di oggi è davvero ridotto al lumicino. Ma ci sono dei semplici movimenti brucia-grassi che anche la casalinga più disperata può trovare il tempo di fare.

A casa

Si inizia di prima mattina, appena svegliate e ancora coricate a letto: il momento perfetto per fare degli esercizi per scaldare i muscoli delle gambe e del dorso. Passo numero due: sciogliere la muscolatura del collo sotto la doccia ruotando lentamente la testa prima da un lato e poi dall’altro. Via ai lavori domestici: spolverare per 30 minuti brucia 135 calorie, lavare i pavimenti ne “mangia” 140. Stirare un po’ di meno: 80 calorie. Cucinare, stranamente, ne fa consumare di più: dalle 150 alle 180. Se non ci si perde negli “assaggini”, naturalmente.

In ufficio

Ma i consigli non sono utili solo per chi fa la casalinga. Certo, è più difficile bruciare i grassi se si sta sedute alla scrivania in ufficio. Qui bisogna approfittare dei momenti pausa per fare stretching: alzare le braccia sopra la testa, flettere in avanti la colonna portando in avanti anche la mani  e tenendole incrociate. Chi lavora stando a lungo in piedi, invece, può esercitare gli addominali cercando di far rientrare l’ombelico verso la spina dorsale.

Al supermercato

La spesa è un momento prezioso per fare un po’ di piegamenti tra gli scaffali: se dovete prendere un prodotto da un ripiano in basso, per esempio, provate a fare uno squat piegandovi a 90 gradi, come se vi doveste sedere su una seggiola immaginaria: un toccasana per rassodare le cosce. 

In breve

PRIMA DI DORMIRE

La sera la casalinga stanca si rilassa con lo yoga prima di dormire: controllando il respiro pensa alla nuova giornata di impegni che l’attende.   

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti