Cellulite: i rimedi dopo il parto

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 07/03/2013 Aggiornato il 07/03/2013

  Creme specifiche, ginnastica e dieta possono combattere cuscinetti e pelle a buccia d’arancia per dire finalmente addio alla cellulite

Cellulite: i rimedi dopo il parto

Per nove mesi si finisce per trascurarla concentrando l’attenzione sulla pelle e sul rischio di smagliature e cedimenti. Dopo il parto arriva però il momento di riprendere in mano la situazione: nemico insidioso, infatti, la cellulite ha bisogno di essere trattata con costanza perché non peggiori. Non è comunque il caso di allarmarsi, ma di passare subito all’azione decidendo di mettere in atto un programma di cure mirate che duri almeno un paio di mesi, ma anche più se si vogliono risultati migliori.

Ci vuole l’aiuto dei cosmetici mirati 

Sempre più efficaci, sempre più mirate, le formulazioni anticellulite associano in genere principi attivi riducenti come la caffeina, la sinefrina, la glaucina, gli estratti di salice bianco, di cecropia e di lotus che agiscono contro gli accumuli localizzati a livello di cosce, ventre e glutei, con estratti vegetali di ippocastano, centella e frassino in grado di migliorare l’elasticità dei capillari e dare una spinta alla circolazione, rallentata in presenza della cellulite. Alghe, sali marini, estratti di canfora e di ananas vantano una spiccata azione drenante utile per contrastare i gonfiori e allentare la pesantezza alle gambe. Acido ialuronico, oli e burri vegetali nutrono e ridanno compattezza alla cute contrastando i cedimenti che spesso si accompagnano alla cellulite. Gli oli essenziali funzionano invece secondo i principi dell’aromaterapia stimolando i centri nervosi che presiedono al rilascio dei grassi e in più infondono una piacevole sensazione di relax.

Poco sale per ridurre i gonfiori

Anche l’alimentazione gioca un ruolo importante nel controllo della cellulite. In un momento come l’allattamento in cui le richieste energetiche sono alte non è certo il caso di mettersi a dieta. La strategia migliore è quindi quella di scegliere con cura quello che si porta in tavola. Pochi cibi salati perché che favoriscono la ritenzione e l’accumulo di tossine, molta frutta e verdura invece perché, oltre a essere ricche di acqua che stimola il drenaggio, sono un concentrato di vitamine preziose, per la circolazione e la tonicità del tessuto, e di fibre, utili per evitare accumuli di scorie. È importante poi bere molta acqua per depurare a fondo l’organismo, iniziando al mattino a digiuno e continuando fino a sera. Validi depurativi sono anche il tè verde ricco di antiossidanti e quello rosso dei Masai (o rooibos) che, essendo privo di teina, è perfetto per le mamme che allattano.

Più movimento contro i cuscinetti 

Attiva la circolazione per favorire il drenaggio, stimola il metabolismo per aiutare a ridurre i cuscinetti, ossigena i tessuti per renderli più tonici. Fare movimento è sicuramente una delle strategie vincenti per tenere sotto controllo la cellulite. Il tempo dopo il parto certo non è molto, meglio quindi ottimizzarlo scegliendo attività in grado di mettere in moto il corpo con dolcezza, senza sforzi bruschi: il nuoto in piscina, la cyclette in palestra o semplicemente una lunga passeggiata con la carrozzina. E poi a casa, in un momento in cui il piccolo dorme, qualche esercizio di tonificazione specifico.

In breve

INIZIA SUBITO DOPO IL PARTO

È questo il momento ideale visto che i volumi si riducono e la pelle ritrova la sua compattezza: assecondare questo processo con l’uso di un trattamento anticellulite è utile per eliminare più velocemente i cuscinetti e contrastare gli inevitabili cedimenti ai quali i tessuti possono andare incontro in questa fase.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti