Chirurgia estetica: figlie contro madri nella guerra del ritocco

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 01/07/2014 Aggiornato il 01/07/2014

No al ritocco di chirurgia estetica: per le figlie le madri rischiano di essere ridicole

Chirurgia estetica: figlie contro madri nella guerra del ritocco

Le figlie bocciano le madri nella guerra del ritocco di chirurgia estetica. Le signore di Roma troppo rifatte non piacciono alle più giovani. Lo ha rilevato una recente ricerca condotta da Maria Grazia Caputo, noto medico estetico della capitale, su un campione di seicento ragazze under 25 residenti a Roma e figlie di donne che si sono sottoposte a interventi di chirurgia estetica. Con un questionario on line è stato indagato il rapporto madri-figlie spesso difficile, conflittuale, a tratti persino rivalitario. Sotto esame sono state messe soprattutto le scelte estetiche delle madri che hanno ricevuto una netta stroncatura da parte delle figlie. Secondo il 37% delle ragazze, infatti, le madri vengono ritenute troppo “innaturali” e incapaci di accettare il fatto che l’invecchiamento è un fenomeno naturale, fisiologico e inevitabile.

Stroncate dalle figlie

Per il 20% delle ragazze avere una madre rifatta, possibile oggetto di scherno da parte di compagni e amici, è “imbarazzante”. Il 19% delle ragazze critica i soldi inutilmente sprecati in interventi di chirurgia estetica necessari per un ritocco a viso e corpo. Il 12% ritiene addirittura “immorale o gravemente sconveniente” la scelta delle madri di sottoporsi a interventi invasivi, soprattutto dopo i 65 anni. Per l’8% infine “la perdita di espressione del volto e la sua innaturalità” rappresentano le ragioni per rifiutare la chirurgia estetica.

Gli interventi più criticati

Per il 32% sono il ritocco alle labbra che danno un aspetto volgare e innaturale al volto “facendo apparire le madri quasi delle caricature di se stesse”. La stessa motivazione viene indicata dalle figlie per criticare gli interventi necessari a correggere gli zigomi (27%) e il mento (23%), colpevoli di “mutare troppo radicalmente il disegno armonico del volto”. Quando si parla di interventi al seno e ai glutei, le ragazze sono pronte a fare un distinguo in base al modo in cui il ritocco viene eseguito. Per il 20% delle figlie una mastoplastica additiva esagerata, alla ”Pamela Anderson”, è ”fastidiosa, imbarazzante e del tutto fuori luogo”  così come la liposuzione al lato B che, se non accompagnata da una dieta o da attività fisica, è percepita come ”inutile, se non addirittura antiestetica”. Per il 24% delle più giovani, le critiche alla madre nascono anche dagli esempi distorti di star del cinema e dello spettacolo deturpate da interventi di chirurgia estetica. 

In breve

SI' AI RITOCCHI SOFT

Approvati, invece, gli interventi soft eseguiti in ambulatorio, senza anestesia che vengono accettati dal 73% delle figlie in quanto “ meno invasivi, più sicuri e con effetti che possono essere tenuti sotto controllo e modulati a piacere”. Promosse soprattutto le azioni messe in atto per infoltire la chioma, accettate dal 40% del campione al pari di extension e tinture.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti