Chirurgia estetica, un trend in ascesa anche con il Covid-19

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 10/11/2020 Aggiornato il 10/11/2020

Il coronavirus non spegne la voglia di piacersi: moltiplicate le richieste per la chirurgia estetica

Chirurgia estetica, un trend in ascesa anche con il Covid-19

I primi mesi di ripresa dopo la sosta forzata per il Covid-19 hanno visto i chirurghi estetici impegnati a recuperare il tempo perduto stimando quasi un +20% di richieste di ritocchi. La conferma del trend positivo per la medicina e la chirurgia estetica arriva dal chirurgo plastico Paolo Santanchè che già ad aprile aveva previsto un trend positivo per quando l’attività degli ambulatori chirurgici fosse ripartita.

Così si spendono i soldi risparmiati

I numeri sembrano dar ragione allo specialista che analizza il trend, spiegandolo da un lato con il desiderio di vedersi meglio allo specchio dopo i mesi più bui della pandemia e dall’altro con il fatto che durante il lockdown sono stati in molti a risparmiare mettendo da parte i soldi per la chirurgia estetica e per regalarsi un naso nuovo, labbra più turgide, un seno più pieno. Infine a convincere chi magari meditava da tempo un ritocco ma lo posticipava per troppi impegni professionali, ci sarebbe, sempre secondo l’esperto, un’altra opportunità preziosa fornita dal lavoro agile che molte aziende ancora chiedono o permettono.

Anche lo smart working aiuta

L’ufficio a casa consente, infatti, di proseguire la normale attività lavorativa anche nel periodo di convalescenza dopo un intervento di chirurgia estetica: basta assentarsi solo il giorno dell’intervento e poi proseguire il periodo di recupero restando comunque in attività da casa con il pc.

Naso, seno e lifting

I trattamenti più gettonati? «Nella fase iniziale dopo il lockdown la richiesta si è indirizzata verso botulino e filler per recuperare gli arretrati di chi li faceva periodicamente per avere un viso più fresco e giovane ma anche per dare pienezza alle labbra e volume al viso» spiega l’esperto. «Poi è ripreso anche tutto il resto più o meno con le percentuali di sempre: naso, seno, palpebre, lifting e liposuzione anche per limare gli accumuli post lockdown». Nessuna sorpresa comunque. «I piccoli o grandi interventi di chirurgia estetica sono stati spesso utilizzati come catarsi dopo un brutto periodo, un lutto, una separazione, un divorzio» conclude l’esperto. «Dopo un periodo difficile fare qualcosa per se stessi sicuramente è di grande aiuto dal punto di vista psicologico».

 

 

 
 
 

Da sapere!

La scelta del chirurgo al quale rivolgersi merita sempre una particolare attenzione per evitare di correre rischi non solo per quanto riguarda il risultato ma anche la salute.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti