Chirurgia intima femminile: è boom

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 11/06/2014 Aggiornato il 11/06/2014

Gli interventi di chirurgia intima femminile sono in continuo aumento a tutte le età

Chirurgia intima femminile: è boom

Un aumento del 24% dal 2011 al 2012. Crescono in maniera esponenziale in Italia i numeri della chirurgia intima femminile. Cifre ancora più significative interessano gli Usa dove la crescita nell’ultimo anno è arrivata al 50%. Ma chi e perché vi ricorre?

Dalle giovani alle anziane

Le richieste sono diverse e cambiano in proporzione all’età. Le più giovani optano per la labioplastica per rimodellare le piccole labbra troppo sviluppate e magari evidenti per via della moda della depilazione totale del pube. Tra gli interventi di chirurgia intima femminile maggiormente richiesti più in là con l’età ci sono quelli che aiutano a dare sollievo dalla secchezza e dal prurito dovuti alla carenza estrogenica, ma anche la riacquisizione di un maggior tono vaginale per poter vivere con soddisfazione una prolungata vita sessuale che oggi, proprio grazie a questi aiuti, può proseguire anche per molti anni dopo l’arrivo della menopausa.

Per essere accettate

Crescenti sono anche le richieste di ricostruzione dell’imene da parte di giovani donne musulmane che si affidano alla chirurgia intima per simulare una nuova verginità necessaria a evitare non solo il rifiuto da parte del promesso marito se scopre che non è la prima volta, ma anche il definitivo allontanamento da parte della famiglia d’origine.

Operazioni chirurgiche importanti

Si tratta in ogni caso di interventi delicati sia dal punto di vista tecnico, sia sotto il profilo etico. Fondamentale da parte dello specialista è valutare il reale spessore del disagio della paziente: lo specialista non deve limitarsi a considerare l’aspetto meramente tecnico del suo operare, ma almeno tentare di chiarire le motivazioni da cui è spinta la richiesta e quali siano le aspettative della donna.

Pensare anche al futuro

Prendiamo ad esempio la riduzione delle piccole labbra. Pur trattandosi di un intervento ambulatoriale in anestesia locale, va progettato ed eseguito con la massima cura evitando asportazioni eccessive per non incorrere in problemi futuri: con la menopausa, la diminuzione estrogenica induce l’ipotrofia dei tessuti vulvari che potrebbe ridurre ulteriormente le dimensioni di piccole labbra facendo così mancare la fisiologica protezione della vagina. 

In breve

SOLO DA MEDICI ESPERTI

Da non sottovalutare mai l’importanza di rivolgersi a un medico di provata capacità onde evitare qualsiasi possibile rischio.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti