Cioccolato e mirtilli salvano la pelle dal sole

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 29/08/2019 Aggiornato il 30/08/2019

Per molti le vacanze sono finite o sono agli sgoccioli, ma per qualcuno devono ancora cominciare. Ecco allora alcuni preziosi consigli per una tintarella perfetta e sana

Cioccolato e mirtilli salvano la pelle dal sole

Molti sono sulla via del ritorno dalle vacanze, ma altri sono  alle prese con la valigia. Oltre a non dimenticare la trousse con i solari, è utile ricordare  che anche alcuni alimenti possono essere d’aiuto per proteggere la pelle in previsione dell’esposizione al sole: cioccolato e mirtilli, per esempio, grazie al loro elevato contenuto di antiossidanti, sostanze capaci di allontanare i danni dei radicali liberi responsabili di un precoce invecchiamento della cute, dovrebbero essere sempre presenti a tavola, insieme ad altri alimenti. Vediamo quali.

I cibi amici della pelle

Cioccolato e mirtilli,  ma anche vino rosso, ricchi di polifenoli antiossidanti non dovrebbero quindi mai mancare dalla tavola di chi vuole abbronzarsi in modo intenso ma in tutta sicurezza. A completare la dieta dell’estate dovrebbero esserci anche l’olio di oliva ricco di vitamina E, altra potente sostanza anti-radicali liberi, e i pesci grassi come il salmone ad alta concentrazione di acidi grassi Omega 3, che mantengono elastica e compatta la cute. Senza dimenticare poi le carote, le albicocche e tutti i frutti colorati di arancione che contengono betacarotene, per stimolare la produzione di melanina e intensificare il colorito. Per insaporire via libera alle spezie che contengono acido rosmarinico come il rosmarino, il timo, la maggiorana, l’origano e le bacche di goji, da aggiungere alle insalate e allo yogurt, preziose per l’alta concentrazione di acido ellagico.

Protezione per il Dna

Entrambi questi acidi sono potenti antiossidanti che preservano il Dna cellulare dalle modificazioni dovute ai radicali liberi prodotti in grande quantità quando si sta al sole. Questi accorgimenti a tavola valgono per tutti e a maggior ragione per chi ha una predisposizione a sviluppare problemi, per chi ha un fototipo chiaro e per chi segue una terapia con immunosoppressori.

Formule antirughe e macchie

Naturalmente la protezione dall’interno con gli antiossidanti non prescinde da quella offerta dai solari messi a punto in maniera specifica per contrastare le aggressioni dei raggi solari, gli Uva, gli Uvb e anche gli infrarossi. Molte formulazioni protettive contengono, insieme ai filtri che schermano le radiazioni, anche sostanze antiossidanti che preservano da un invecchiamento precoce e prevengono con efficacia la formazione di rughe e di macchie scure. Anche nel doposole la presenza degli antiossidanti è preziosa per riparare i danni che la pelle ha subito durante il giorno e restituirle il giusto tasso di idratazione che l’esposizione al sole e al caldo tendono a compromettere.

 

 

Da sapere!

In estate è importante anche bere molto per mantenere idratata la pelle. Accanto all’acqua, sì al tè verde, ricco di sostanze antiossidanti che contrastano l’invecchiamento.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti