Combattere la cellulite? Cinque consigli che funzionano

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 17/07/2013 Aggiornato il 17/07/2013

Bere molto e limitare il sale a tavola. Per combattere la cellulite ci vuole la strategia giusta

Combattere la cellulite? Cinque consigli che funzionano

È l’inestetismo “democratico” per eccellenza perché colpisce le donne di tutte le età e persino quelle magre. Ed è anche uno dei più tenaci da sconfiggere. Per combattere la cellulite quello che serve è adottare una strategia combinata: fare movimento, innanzitutto, applicare con regolarità i cosmetici giusti e prestare attenzione a quello che si porta in tavola. Su questo fronte ecco cinque consigli semplici, ma preziosi per combattere la cellulite con successo.

Perdete i chili in più

La cellulite è un problema complesso legato a disturbi circolatori e non va confuso con l’adipe. Certo è che i cuscinetti di grasso che si localizzano nella parte bassa del corpo non fanno che aggravarla. La prima regola per combattere la cellulite quindi è quella di far scendere l’ago della bilancia. Stop allora a pasti abbondanti e a un consumo eccessivo di grassi e zuccheri: una dieta equilibrata e leggera abbinata a un po’ di movimento aiuta a perdere il peso in eccesso.

Bevete due litri di acqua al giorno

I disturbi a livello della circolazione venosa e linfatica che determinano e aggravano la cellulite portano a una ritenzione di liquidi e scorie che creano gonfiore e pesantezza alle gambe. Bere molto, almeno due litri di acqua oligominerale a basso tasso di sodio ogni giorno, è la ricetta per smaltire le tossine e i liquidi stagnanti e tenere sotto controllo il problema.

Limitate il sale

Favorisce la ritenzione idrica e il conseguente ristagno dei liquidi e delle scorie che, intrappolate nei tessuti, rendono più evidenti i noduli della cellulite. Eliminarlo del tutto è difficile, certo: meglio procedere per gradi cercando di diminuire gradualmente le quantità quando si cucina. A poco a poco il palato si abitua e mangiare meno salato diventa semplice.

Fate attenzione al sale nascosto

Non c’è solo il sale che si aggiunge alle pietanze: il cloruro di sodio si nasconde anche in molti cibi, e in quantità notevoli. Sono, infatti, un concentrato di sale i salumi e gli insaccati, i formaggi stagionati e gli snack salati, tutti cibi che per combattere la cellulite andrebbero consumati con moderazione.

Abbondate con le erbe aromatiche

Danno sapore e permettono così di “tagliare” sulla quantità di sale e sui dadi, ricchi di cloruro di sodio, che spesso si aggiungono ai piatti per insaporirli. Alloro e prezzemolo, timo e dragoncello, basilico e salvia sono alleati preziosi di chi vuole combattere la cellulite a tavola. Volete avere sempre pronte le erbe aromatiche da aggiungere alle vostre pietanze? Lavatene e asciugatene un generoso mazzetto quando le trovate fresche, poi congelatele nelle vaschette per il ghiaccio.

In breve

POCO SALE, MOLTA ACQUA

Per combattere la cellulite occorre fare attenzione a quello che si porta in tavola. Troppo sale, infatti, anche quello nascosto in formaggi e salumi, favorisce la ritenzione e il gonfiore. Al contrario bere molto stimola l’eliminazione dei liquidi e delle tossine e sgonfia.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti