Come eliminare la cellulite

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 20/07/2015 Aggiornato il 20/07/2015

Combattere la cellulite è un impegno su più fronti. La strategia che funziona deve prevedere infatti un’azione globale. Solo così si può eliminare la cellulite

Come eliminare la cellulite

Come eliminare la cellulite? Non c’è una risposta unica. Servono più azioni insieme, senza trascurare nulla. E i risultati arrivano, è assicurato.

Iniziare presto

Innanzitutto per combattere la cellulite occorre cominciare presto a trattarla. Il problema si presenta spesso in giovane età: già attorno ai vent’anni, se non a volte prima, compaiono le prime avvisaglie con gonfiori e appesantimenti soprattutto nella parte alta della coscia che denunciano una difficoltà di circolazione e una tendenza ai cuscinetti localizzati.

Non trascurarla

È molto difficile che la cellulite scompaia da sola: la strategia migliore per combattere l’inestetismo è quindi quella di affrontarlo sin dal suo apparire muovendosi su più fronti: se trascurata infatti la cellulite tende a peggiorare diventando più profonda e difficile poi da trattare.

Attenzione agli stili di vita

La cellulite è per lo più una conseguenza di stili di vita non corretti. Si comincia dalla mancanza di movimento per passare all’alimentazione non corretta, dal fumo all’utilizzo di tacchi alti e indumenti stretti che ostacolano la circolazione. Non esiste comunque la bacchetta magica che faccia sparire la cellulite in un attimo.

Tanto movimento

Occorrono costanza e impegno. Serve innanzitutto fare un po’ di movimento, se non tutti i giorni almeno due volte la settimana. Non è necessario strafare: basta camminare a passo spedito, andare in bicicletta o nuotare, ma farlo con regolarità.  

Dieta ricca di frutta e verdura

Occorre poi seguire un’alimentazione bilanciata. Non si tratta di fare particolari sacrifici a tavola ma scelte giuste puntando su frutta, verdura, cereali integrali, limitando invece cibi grassi e molto salati che provocano ritenzione e accentuano il gonfiore.

Qualche trattamento estetico

La strategia per combattere la cellulite comprende anche il ricorso alla medicina estetica. Indicati sono tutti i trattamenti che aiutano il drenaggio dei liquidi stagnanti. La mesoterapia ad esempio è molto utile soprattutto se utilizza una soluzione che permette di rimuovere le tossine che depositandosi nel tessuto causano infiammazioni e peggiorano gli inestetismi della cellulite. La soluzione viene veicolata con l’utilizzo di aghi sottilissimi e il trattamento risulta praticamente indolore. Il numero di sedute varia da caso a caso ma già dopo sei a cadenza settimanale si possono avere ottimi risultati.

 

 

 
 
 

da sapere

ANCHE NELLE MAGRE

Cellulite e grasso non vanno necessariamente di pari passo: ci sono ragazze e donne con un fisico asciutto che lamentano gonfiori

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti