Contapassi addio, arriva il coach digitale

Luce Ranucci
A cura di Luce Ranucci
Pubblicato il 08/02/2019 Aggiornato il 08/02/2019

Una nuova app gratuita consente di ricevere un programma tagliato su misura sulle proprie caratteristiche e consente di dire addio al contapassi

Contapassi addio, arriva il coach digitale

Fare attività fisica e controllare i risultati ottenuti e lo stato di salute è una responsabilità personale e un tema a cui tutti siamo sempre più attenti. A questo scopo viene ora in aiuto anche la tecnologia tramite un’app gratuita e più affidabile del tradizionale contapassi.

Approvata dai cardiologi

La nuova app disponibile da fine gennaio fa parte della campagna PERCORSO (PERché Camminare favOrisce la Riduzione del riSchio cardiOvascolare), promossa dalla Società italiana di cardiologia (Sic), con il patrocinio della Società italiana di medicina generale (Simg) e il contributo di Menarini.

L’app su misura

L’app è scaricabile su smartphone, di utilizzo semplice e intuitivo: indica l’esercizio più adatto a ciascuno, i tempi di recupero fra una sessione e l’altra, la quantità di movimento, dal numero di passi alle vasche in piscina. Consente, infine, di monitorare i propri progressi e ricevere consigli pratici per ottimizzare l’attività fisica. 

La sedentarietà fa male

“Oltre la metà degli italiani non si muove abbastanza. Le malattie cardiovascolari sono al primo posto fra le cause di morte e l’esercizio fisico può ridurne il rischio come un farmaco, ma il consiglio generico di camminare tre volte alla settimana per almeno 20 minuti non basta per ridurre il rischio vascolare” osserva Giuseppe Mercuro, presidente della Società italiana di cardiologia.

Il movimento come una medicina

Prosegue Mercuro: «Per invertire la rotta è necessario considerare realmente l’attività fisica una medicina e prescriverla come tale, personalizzando il trattamento e fornendo ai pazienti un vademecum che li guidi e li informi su indicazioni, tempi, dosi del movimento”.   

 

 
 
 

Da sapere!

Le app sono sempre più numerose e variegate. Propongono uno schema da compilare per avere un diario alimentare, calcolano le calorie del cibo, l’indice di massa corporea, le pulsazioni e altro ancora.        

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti