Contro-fitness, la nuova tecnica per mantenersi in forma

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/04/2014 Aggiornato il 11/04/2014

Basta con la palestra. Ora per mantenersi in forma c’è il contro-fitness

Contro-fitness, la nuova tecnica per mantenersi in forma

Il nome originale è “neat-fitness” ma è più conosciuto con il nome di contro-fitness, l’ultima proposta americana per mantenersi in forma. Per praticarlo non serve la palestra e neppure la piscina. Secondo James Levine, esperto di obesità alla Mayor Clinic di Rochester, il contro-fitness permette di aumentare la termogenesi cioè di bruciare più calorie, passo fondamentale per mantenersi in forma, semplicemente facendo tante piccole attività quotidiane.

Il principio alla base

Per capire il concetto basta pensare che chi lavora seduto consuma circa 300 calorie al giorno, un commesso che sta in piedi 1.400 mentre un coltivatore in campagna arriva a 2.300. In altre parole: bastano dei piccoli movimenti durante la giornata per consumare circa 500 calorie in più, a tutto vantaggio della linea.

Le attività che aiutano la linea

Le più scontate sono dimenticare l’ascensore e fare le scale a piedi, scendere una fermata prima dall’autobus o meglio ancora andare a piedi piuttosto che in macchina o con i mezzi pubblici. Anche in ufficio si può fare contro-fitness per mantenersi in forma. Perché per esempio non provare a camminare mentre si parla al telefono oppure spostarsi nella stanza del collega per parlargli direttamente invece di mandargli una e-mail? Esistono persino aziende che progettano i loro spazi proprio per favorire gli spostamenti e quindi il movimento dei loro impiegati.

Dimenticare la sedia

Altra soluzione, un po’ più estrema ma decisamente efficace: scansare la sedia e provare a lavorare in piedi. In tre ore si bruciano circa 144 calorie che in un anno si traducono in 3,6 chili in meno. E’ questo il consiglio per non ingrassare del dottor John Buckley, del dipartimento di Scienza clinica e nutrizione dell’Università di Chester. E se vi sentite a disagio senza la cara, vecchia sedia forse potrà consolarvi sapere che la “bizzarra” tecnica dello scrivere in piedi è stata già utilizzata in passato da grandi scrittori come Ernest Hemingway e Vladimir Nabokov. Il romanziere americano, per esempio, scriveva in una lettera nel 1950: “La scrittura e i viaggi se non aprono la mente di sicuro ampliano il fondoschiena e a me piace scrivere in piedi”.

In breve

LA PALESTRA A CASA

Senza dimenticare naturalmente che anche la casa è un’ottima palestra: fare i lavori domestici e dedicarsi al giardinaggio incrementa il dispendio calorico giornaliero. L’ulteriore vantaggio del contro-fitness? È un “allenamento” democratico alla portata di tutti, anche delle mamme in attesa e di quelle che hanno appena partorito, perché non impegna troppo dal punto di vista fisico e non porta via tempo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti