Cosmetica naturale: piace sempre di più

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 25/10/2016 Aggiornato il 25/10/2016

Sono in costante rialzo i dati di vendita dei prodotti green a testimonianza che la cosmetica naturale trova sempre più consensi

Cosmetica naturale: piace sempre di più

È boom della cosmetica naturale. I prodotti che si definiscono green, formulati con ingredienti naturali e spesso biologici, conquistano un pubblico di consumatori sempre più vasto. Lo dimostrano con chiarezza i dati di vendita: nel 2015 la domanda di formulazioni naturali è cresciuta dell’8% raggiungendo un giro di affari che il Gruppo Cosmetici Erboristeria di Cosmetica Italia ha stimato attorno ai 460 milioni di euro.

Non solo in erboristeria

La cosmetica naturale piace sia nei canali di vendita tradizionali come l’erboristeria, la farmacia e di recente anche la grande distribuzione, sia nella vendita diretta a domicilio. Perché la cosmetica naturale attrae sempre di più è facile da spiegare. Innanzitutto perché viene incontro a un’esigenza di naturalità sempre più sentita da parte dei consumatori che in ogni campo, dall’alimentazione alla cura del corpo, dall’abbigliamento alla pulizia della casa, cercano formulazioni rispettose non solo della salute ma anche dell’ambiente.

Si diffonde la cultura green

In questa direzione la cosmetica naturale fa molto, a partire dalla selezione degli ingredienti fino alla produzione e all’imballaggio, dove un’attenzione particolare è rivolta a limitare lo spreco di acqua, di energia e l’emissione di sostanze tossiche. Attenzione, però, che manca chiarezza in materia e quando si parla di cosmetica naturale si rischia ancora di fare parecchia confusione. Colpa del fatto che in Italia non esiste ancora una legge che identifichi con chiarezza cosa sia un cosmetico naturale.

Come orientarsi nella scelta

Due sono i criteri che si possono adottare per orientarsi al momento della scelta. Innanzitutto leggere l’INCI, la classificazione internazionale utilizzata da tutti gli stati UE per indicare in etichetta i componenti dei prodotti cosmetici. Se i nomi sono indicati in latino si può essere certi che si tratta di sostanze di derivazione naturale; sempre attraverso l’INCI si può verificare se gli eccipienti, in particolare gli oli usati per rendere una formula morbida sono di origine vegetale come gli oli di mandorle, mais, borragine, jojoba, avocado. Altra garanzia di naturalità sono le certificazioni: alcuni marchi come Cosmos (Cosmetic Organic Standard) dal 2009 stabiliscono che per naturale si può intendere una formulazione che contenga almeno il 98% di ingredienti vegetali mentre i prodotti bio devono contenere almeno il 95% di sostanze derivate da coltivazioni biologiche estratte senza danneggiare l’ambiente.

 

 

 

 

 

 
 
 

da sapere!

I cosmetici vegani devono essere privi di ingredienti di origine animale come cera d’api, glicerina, lanolina, latte e miele.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti