Cosmetici: le italiane scelgono la farmacia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/06/2015 Aggiornato il 10/06/2015

Altro che cosmetici on line. Le italiane si fidano dei prodotti venduti in farmacia, perché più sicuri e testati. E l'acquisto di cosmetici in farmacia diventa sempre più un momento di relax

Cosmetici: le italiane scelgono la farmacia

Profumerie e supermercati. Ma per gli acquisti di cosmetici le italiane scelgono soprattutto la farmacia. I dati parlano chiaro: il 18,9% – quasi uno su cinque – fra rossetti, ombretti, smalti e creme antirughe in Italia è venduto in farmacia.

La farmacia non risente della crisi

Un canale di vendita, quello della farmacia, che nel 2014 ha registrato un fatturato di 1 miliardo e 776 milioni di euro chiudendo l’anno con un + 0,5% e aprendo il 2015 con un incremento dell’1%, segno molto positivo in un momento di crisi che ha visto un calo generale dei consumi anche nella cosmetica. Ma perché le donne scelgono la farmacia per i cosmetici?

Si cerca l’affidabilità

A fare il punto sulla situazione è una recente ricerca condotta dall’Istituto di ricerca Alias e presentata nel corso di Cosmofarma 2015 che ha visto protagonista un campione di 1000 persone in gran parte donne, ma anche uomini residenti in Lombardia, Piemonte e Veneto, con più di 45 anni e un livello di istruzione di scuola media superiore. Lo studio ha innanzitutto confermato ciò che da tempo si sapeva: le donne scelgono la farmacia per i cosmetici perché ritengono che sia più affidabile rispetto ad altri canali. Questo soprattutto perché i cosmetici venduti in farmacia vengono considerati più sicuri ed efficaci, ipoallergenici e più specifici per le pelli con problemi, più curativi che semplicemente di bellezza, nonché più naturali, privi di sostanze pericolose come i siliconi o i parabeni e realizzati con materie prime di altissima qualità.

Consiglio di esperti

Fondamentale anche il rapporto con il venditore: in farmacia si possono trovare professionisti competenti, meno mirati al commercio e più al consiglio. Il campioncino che le farmacie offrono si rivela spesso determinante nella scelta di dove acquistare i cosmetici. Secondo gli intervistati, poi, il farmacista dispone di una selezione dei migliori prodotti che conosce bene e può quindi consigliare.

Un posto dove rilassarsi

Ma cosa vorrebbero in più le donne dalle farmacie dove acquistano i cosmetici? Che diventassero sempre più un luogo dove lo shopping sia un’esperienza speciale e unica. Un direzione verso la quale molte farmacie si stanno già muovendo creando all’interno dei negozi spazi riservati alla vendita dei cosmetici dove è possibile regalarsi un momento tutto per sé all’insegna della bellezza con mini-massaggi al viso e mani, veloci trattamenti estetici e sedute di make up personalizzato.

 

 
 
 

In breve

 

MA GLI UOMINI NO

Ci sono però differenze tra uomini e donne in tema. Se queste infatti comprano in farmacia qualsiasi cosmetico, dalle creme ai rossetti ai deodoranti, gli uomini si limitano a prodotti per l’igiene orale e la caduta dei capelli, problema particolarmente sentito dal mondo maschile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti