Cyclette? Il nuovo allenamento è sprint

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 28/04/2017 Aggiornato il 28/04/2017

Con il nuovo allenamento sulla cyclette è facile ritrovare la perfetta forma fisica. Ecco come funziona lo sprint internal training

Cyclette? Il nuovo allenamento è sprint

Il tempo per fare sport è sempre poco? Non ci si deve scoraggiare perché c’è una valida soluzione per restare in forma: pedalare sulla cyclette. La classica bicicletta stazionaria che si può utilizzare sia in casa sia in palestra è stata di recente oggetto di nuovi studi e ricerche che ne confermano la validità nell’aiutare ad avere un fisico snello e tonico, anche con allenamenti che rubano solo pochi minuti al giorno.

Con il metodo Sit bastano pochi minuti 

Dieci minuti di pedalate sul posto possono produrre gli stessi benefici di un allenamento protratto per ben cinquanta minuti come sostengono i ricercatori della McMaster University, in Canada. Nel corso di un esperimento sono stati confrontati gli allenamenti sulla cyclette di due gruppi di soggetti sedentari. I primi sono stati sottoposti allo Sprint interval training (Sit), un allenamento che prevede una serie di sequenze di scatti sprint alternati a tempi di recupero della durata complessiva di dieci minuti; l’altro gruppo di lavoro pedalava invece per 50 minuti consecutivi con uno sforzo di tipo endurance cioè moderato e mantenuto costante. Dopo tre mesi di attività sono stati monitorati i risultati verificando che chi seguiva il metodo Sit aveva raggiunto gli stessi livelli di efficienza cardiorespiratoria e sensibilità all’insulina di chi invece svolgeva l’allenamento di tipo tradizionale.

No di sera

Per mantenersi in forma in sostanza non servono ore sulla cyclette: i dieci minuti di allenamento bastano e si possono programmare in qualunque momento della giornata, dal mattino al pomeriggio inoltrato, evitando, però, la sera quando un eccesso di movimento può disturbare il sonno. Non si deve dimenticare comunque che per un allenamento completo a fianco dell’attività sulla cyclette si deve prevedere anche un programma di esercizi a corpo libero che si concentrino soprattutto sugli addominali e sui dorsali, due gruppi di muscoli poco sollecitati quando si pedala. Importante anche rinforzare schiena e braccia con l’aiuto dei pesi, in modo da assicurare uno sviluppo armonico di tutta la muscolatura. Altrettanto importanti sono gli esercizi di stretching() per allungare i muscoli impegnati a fondo nell’allenamento con la cyclette.

 

 

 

 
 
 

In breve

A SUON DI MUSICA

Allenarvi sulla cyclette vi sembra molto noioso? Ascoltate della musica che dia il ritmo, guardate un programma sul monitor oppure variate spesso il ritmo della pedalata e aggiungete degli sprint che movimentano la seduta di allenamento.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Senza un’ovaia e senza una tuba si possono avere figli?

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'asportazione chirurgica di una tuba e di un'ovaia non compromettono la fertilità, perché la tuba e l'ovaia rimaste riescono perfettamente a compensarne la mancanza.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti