Data di scadenza anche per le spazzole (e non solo)

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/11/2016 Aggiornato il 25/11/2016

I cosmetici non sono i soli ad avere una data di scadenza. Anche gli strumenti che si usano per farsi belle, come le spazzole, vanno sostituiti con regolarità. Ecco perché

Data di scadenza  anche per le spazzole (e non solo)

In genere, si pensa che ad avere una data di scadenza siano solo i prodotti alimentari e al massimo i cosmetici. Ma non ci si sofferma mai sugli strumenti che si usano nella vita quotidiana per prendersi cura del viso, del corpo e dei capelli. Eppure anche spazzole e spugne persino i reggiseni hanno una data di scadenza che andrebbe rispettata con attenzione.

Da cambiare ogni 4 anni

Le spazzole per capelli, per esempio, oltre a essere pulite almeno un paio di volte la settimana con il pettine e lavate mensilmente, andrebbero buttate dopo quattro anni, non di più. Perché, insieme ai capelli, i dentini e le setole possono trattenere residui di prodotti che, essendo appiccicosi, a loro volta intrappolano sporco, impurità, smog e anche germi che finiscono poi sulla chioma e sul cuoio capelluto. Non solo i capelli si appesantiscono ma possono anche sorgere problemi come l’impetigine, un’infezione che colpisce la pelle del viso e delle mani e può diffondersi da una persona all’altra se si utilizza la stessa spazzola.

Limette per le unghie

Hanno una data di scadenza anche le limette per unghie in cartone: nelle piccole crepe che si formano usandole possono accumularsi germi che, passando su un’unghia debole o comunque danneggiata, possono essere responsabili di un’infezione. Sarebbe opportuno quindi sostituire la limetta dopo averla usata al massimo tre volte; l’alternativa è investire in una limetta di vetro che, oltre a non rovinarsi, si può lavare tranquillamente con acqua e sapone.

Spugne e guanti per il bagno

La spugna che si usa per il bagno, restando sempre umida, diventa il terreno ideale per la proliferazione di germi e batteri che passando poi sulla pelle possono creare irritazioni, rossori, persino infezioni. La buona regola? Buttarla ogni due mesi per evitare qualsiasi rischio per la pelle. Il discorso del resto vale per tutto quanto si usa per la detersione del corpo, dai guanti di crine alle manopole di spugna fino alle fasce in luffa o in materiale sintetico.

Spazzolino da denti

Lo spazzolino da denti, in genere, si butta solo quando le setole sono rovinate. In realtà, ogni tre mesi andrebbe sostituito, e anche prima se le gengive sanguinano.

Reggiseno

Persino il reggiseno ha una data di scadenza: secondo gli esperti, non dovrebbe mai restare nel cassetto della biancheria oltre gli otto mesi se lo si indossa quotidianamente. Questo perché il tessuto, anche se di qualità, finisce per non offrire il giusto sostegno al décolleté e può anche diventare meno confortevole sulla pelle.

 

 

 

lo sapevi che?

Le scarpe da ginnastica vanno buttate ogni 800 chilometri percorsi: la data di scadenza dunque varia in base alla strada percorsa.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pillola dimenticata: è alto il rischio di gravidanza?

01/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Se ci si dimentica di assumere il contraccettivo orale, basta prenderlo entro 12 ore dall'abituale per non correre rischi.   »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti