Denti bianchi: una moda pericolosa

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 27/09/2018 Aggiornato il 28/09/2018

Sembra essere il nuovo obiettivo di bellezza che moltissimi cercano di raggiungere, ma a volte non nei modi più appropriati. Ecco cosa è bene evitare

Denti bianchi: una moda pericolosa

Denti bianchi? Sì grazie. Ma a patto di non mettere a rischio la salute. C’è, infatti, chi, in nome del candore del sorriso, ha rinviato cure dentistiche ben più importanti e chi ha scelto il fai da te con il bicarbonato, esponendo lo smalto al rischio di essere pericolosamente danneggiato.

Perossido d’idrogeno

Il problema è emerso in Italia dopo un’inchiesta che ha messo in luce in Gran Bretagna un giro di centri estetici pronti a offrire sedute di sbiancamento con perossido d’idrogeno al 25%, sedute peraltro vietatissime per la salute non solo della dentatura ma di tutto l’organismo, vista la pericolosità della sostanza usata per arrivare ad ottenere denti bianchi. Il regolamento europeo stabilisce, infatti, che il perossido di idrogeno possa essere usato solo in percentuale tra lo 0,1 e il 6% ed esclusivamente da medici dentisti. Usare soluzioni al 25% è molto pericoloso dal momento che può causare danni permanenti alla morfologia e alla struttura dei denti, con veri e propri buchi. Per non parlare delle ustioni alle gengive e alla delicata mucosa della bocca.

Bicarbonato, limone e candeggina

Ma le persone sembrano disposte a tutto pur di sfoggiare denti bianchi. Anche in Italia si è registrata un’impennata delle richieste di sbiancamento. E la voglia di un sorriso smagliante come i divi hollywoodiani ha creato qualche problema. Alcuni pazienti hanno preferito sottoporsi a trattamenti anti-macchia piuttosto che curare una carie in fase iniziale, mentre altri a forza di spazzolamenti quotidiani con il bicarbonato, il succo di limone e persino la candeggina diluita hanno dovuto rifare le faccette dei denti ormai corrose e macchiate da queste sostanze che, per via abrasiva oppure corrosiva, danneggiano la dentatura in modo irreparabile. Insomma l’approccio esclusivamente estetico rischia di mettere in secondo piano la salute.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I prodotti per lo sbiancamento in commercio vanno usati con cautela e soprattutto facendo attenzione al fatto che non sempre sono efficaci: sulle macchie dovute all’assunzione di antibiotici da piccoli, per esempio, non funzionano.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti