Depilazione intima: attenzione al rischio infezione

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 10/10/2017 Aggiornato il 10/10/2017

I piccoli taglietti rappresentano il lato più problematico della depilazione intima. Ecco perché

Depilazione intima: attenzione al rischio infezione

La pratica è sempre più diffusa, sia fra le donne sia fra gli uomini. Eppure la depilazione intima può creare qualche problema, legato ai taglietti in zone delicatissime, come appunto i genitali. A richiamare l’attenzione su questo aspetto è stato di recente uno studio pubblicato su JAMA Dermatology.

Problemi per una persona su 4

La ricerca mostra con chiarezza come la pratica della depilazione intima provochi a una persona su quattro che la fa abitualmente piccoli taglietti. Pochissimi tra gli intervistati hanno affermato di avere richiesto l’attenzione da parte di un medico. Per il loro studio i ricercatori hanno preso in considerazione un campione di più di 7.570 adulti. A effettuare abitualmente una qualche forma di depilazione intima sono circa 8 persone su 10, di cui il 66% sono uomini e l’85% sono donne. Il 25% di loro ha ammesso di essersi procurato una ferita. Nel caso di una depilazione totale, poi, il rischio di andare incontro ad abrasioni è almeno 11 volte più alto, in entrambi i sessi.

Le zone più colpite

Il pube e l’inguine per le donne e lo scroto per gli uomini. Fra i fattori che possono aumentare il rischio di ferirsi, ci sono la frequenza con cui ci si depila, la cura prestata, il tipo di strumento utilizzato, l’estensione della depilazione intima e il livello di rimozione dei peli (ovvero se vengono eliminati tutti o meno).

Rasoio sotto osservazione

I risultati dello studio, secondo i ricercatori, potrebbero aiutare indirizzare le persone verso pratiche di depilazione più sicure. Nella zona pubica, per esempio, i peli sono distribuiti lungo varie direzioni sulla pelle, per cui è necessario passare più volte con il rasoio nell’area che si intende depilare. E questo espone a un maggior rischio di piccole abrasioni o tagli. Solo raramente, però, questi taglietti comportano manifestazioni più fastidiose e problematiche come follicoliti, ovvero l’infiammazione dei follicoli piliferi, e peli incarniti, che possono richiedere l’intervento del medico. In ogni caso meglio non bisogna abbassare la guardia. Fondamentale anche non depilarsi in presenza di irritazioni o infezioni già in atto.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Usare solo lamette specifiche per la depilazione e non quelle per la rasatura maschile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti