Dermatologia: non serve più distinguere i tipi di pelle

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/11/2014 Aggiornato il 13/11/2014

Il concetto sembra essere superato: distinguere i tipi di pelle non serve più

Dermatologia: non serve più distinguere i tipi di pelle

Secca, grassa e normale. Così la dermatologia cataloga da sempre le diverse tipologie di pelle. Secondo gli esperti, però, distinguere i tipi di pelle non serve più. Come del resto sembra essere superata anche la tradizionale distinzione in base all’età. Tutto perché, sempre secondo dermatologi e cosmetologi, i problemi estetici non sono più quelli di una volta.

Nuovi parametri

I cambiamenti nello stile di vita hanno determinato, infatti, significativi mutamenti a livello cutaneo. Quando si sceglie un cosmetico, quindi, distinguere i diversi tipi di pelle non serve più: bisogna considerare invece altri parametri come il livello di stress, la vita più o meno intensa che si conduce, le ore di sonno, il tipo di alimentazione e così via. A venti come a sessant’anni, sono queste le variabili che condizionano lo stato della cute, indipendentemente dal fatto che sia grassa, secca oppure sensibile.

Test e analisi del sangue

Ecco perché negli studi dermatologici e nei centri estetici sempre più spesso accanto ai tradizionali strumenti per misurare il livello di idratazione e la quantità di sebo, ne compaiono di nuovi che si occupano di valutare l’impatto che lo stile di vita può avere sulle condizioni dell’epidermide. I test epigenetici in particolare valutano quanto l’ambiente può aver danneggiato la bellezza, mentre le analisi del sangue permettono di rilevare le carenze di minerali e vitamine pericolose perché espongono la cute al rischio di non avere difese nei confronti dei radicali liberi, principali responsabili del processo di invecchiamento cutaneo.

Come scegliere i prodotti

Al momento dell’acquisto di un cosmetico, quindi, più che distinguere i diversi tipi di pelle che ormai non serve più di tanto, è importante partire dal proprio stile di vita: più i ritmi sono serrati, più la pelle richiede sostegni extra per contrastare lo stress che rappresenta un forte fattore di accelerazione per la comparsa di rughe e segni del tempo. Accanto alla crema di uso quotidiano può essere utile affiancare allora una cura urto rappresentata da un siero; con la sua alta concentrazione di sostanze ad azione idratante, protettiva e rigenerante, è prezioso per rafforzare le difese della pelle dalle aggressioni esterne e per offrirle un extra di energia e di vitalità contro lo stress. Il siero si può usare tutti i giorni sotto la crema abituale, se il viso è particolarmente stanco e spento, mentre può bastare un ciclo di cura di un mese al cambio di stagione se l’epidermide non è ancora segnata. 

In breve

LE CONSEGUENZE DELLO STRESS SULLA PELLE

Distinguere i diversi tipi di pelle non serve più: al momento di acquistare un cosmetico è importante tener conto delle abitudini di vita, offrendo alla cute trattamenti, tanto più ricchi e rinforzanti quanto più alto è il livello di stress al quale si va incontro.  

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti