Con il freddo più rughe, arrossamenti e colorito spento

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 01/02/2017 Aggiornato il 01/02/2017

Quando fa molto freddo la pelle soffre e il viso appare spento, segnato da più rughe e invecchiato. Ecco come “ringiovanirlo”

Con il freddo più rughe, arrossamenti e colorito spento

Il freddo è nemico della bellezza. Quando il termometro è in picchiata, la pelle subisce un forte stress che la porta a perdere equilibrio e benessere. Pelle screpolata, arrossamenti ma anche più rughe evidenti sono la conseguenza diretta delle aggressioni invernali: il freddo innanzitutto, ma anche i bruschi sbalzi di temperatura tra l’esterno e l’interno.

Attenzione agli sbalzi

Il gelo spesso accompagnato dal vento comporta, infatti, un assottigliamento del film idrolipidico di rivestimento della cute che, meno protetta, rischia di disidratarsi e di diventare secca, ruvida e screpolata. Appaiono più rughe, il colorito diventa pallido e soprattutto a causa dei rapidi cambiamenti tra il freddo dell’esterno e il caldo dell’interno compaiono rossori localizzati che, nelle pelli più sensibili, possono anche permanere per molte ore se non addirittura trasformarsi in chiazze rosse tipiche della couperose.

Mai senza crema

Il primo consiglio è di non lasciare mai che la pelle affronti senza protezione i rigori invernali. Serve, quindi, una crema prima di uscire di casa, tanto più ricca quanto più la cute tende a essere sottile, fragile e secca. Oli e burri vegetali come quello di karité sono gli ingredienti da cercare nelle formule, pronti ad apportare alla cute il nutrimento di cui ha bisogno per preservare integra la barriera protettiva e difendersi efficacemente dal gelo.

Prodotti specifici

Nel caso di una pelle soggetta a rossori, è bene ricorrere a formulazioni specifiche che all’azione nutriente e protettiva combinano un effetto addolcente e calmante, assicurato da sostanze di origine vegetale come l’hamamelis, la camomilla, la liquirizia, la malva e l’olio di borragine. Utile anche rinforzare l’idratazione con un siero da usare sotto la crema da giorno e utilizzare fondotinta e BB cream, che aiutano a creare una protezione extra contro le aggressioni esterne.

Struccarsi sempre

La sera è importante detergere con cura la pelle scegliendo prodotti delicatissimi che non irritino una cute già provata durante il giorno dal freddo: ideali sono un latte detergente oppure un’acqua micellare, che purificano senza impoverire e in più addolciscono e rinfrescano. Preziosa anche l’acqua termale che, sia dopo la pulizia, sia durante il giorno, offre equilibrio, idratazione e confort alla pelle che tira e si arrossa per il freddo.

 

da sapere!

È importante alla sera restituire alla cute quello che ha perso durante il giorno a causa delle temperature rigide: funzionano bene sia le creme da notte sia le maschere, un trattamento urto ad alta concentrazione di principi attivi idratanti e rigeneranti da prevedere almeno una volta alla settimana durante l’inverno.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quarto cesareo: quali rischi?
09/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Affrontare un cesareo, dopo averne effettuati altre tre, espone la donna a numerose eventualità spiacevoli che è bene considerare prima di decidere per una nuova gravidanza.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti