Ginnastica facciale … e dimostri 3 anni di meno

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 23/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

Se effettuata ogni giorno con regolarità, la ginnastica facciale regala un viso più giovane. Ecco perché

Ginnastica facciale … e dimostri 3 anni di meno

Il lifting può sicuramente aspettare e il botulino anche, almeno per un po’. Il modo più semplice, naturale e assolutamente efficace per mantenere un viso giovane e fresco, contrastando rughe e cedimenti tipici dell’età, è dedicarsi con costanza alla ginnastica facciale. Certo l’impegno deve essere regalare e il tempo da dedicare non è poco: mezz’ora al giorno. Ma dopo venti settimane i risultati sono assicurati: le guance sono più piene e sostenute, il profilo meglio definito, i tratti distesi.

Muscoli tonici e ben distesi

Lo sostiene uno studio scientifico, il primo del genere, pubblicato dai ricercatori della Northwestern University sulla rivista medica Jama dermatology: con la ginnastica facciale si tolgono dal viso ben tre anni d’età. Ma a cosa servono nello specifico gli esercizi di ginnastica facciale? Secondo i coordinatori dello studio allargano e allungano i muscoli della faccia in modo da renderli più sodi e tonici. Con l’avanzare degli anni, infatti, la cute perde elasticità e i cuscinetti adiposi che si trovano tra i muscoli e la pelle, che danno un aspetto turgido e definito al volto, si assottigliano. Con la pelle meno compatta, i cuscinetti scivolano giù, dando al viso un aspetto cadente. Ebbene, proprio tonificare questi muscoli con la ginnastica facciale serve a dare più sostegno al viso che appare più pieno e liscio. Se i muscoli crescono, aumenta di conseguenza il volume del viso in modo da contrastare attivamente l’invecchiamento.

Risultati visibili in 5 mesi

Lo studio è stato condotto su 27 donne over 40 che hanno partecipato a due sedute da 90 minuti con un istruttore e poi hanno continuato a fare gli  esercizi a casa per 5 mesi (una serie di 32, ognuno dei quali per 1 minuto). Per le prime 8 settimane gli esercizi sono stati eseguiti ogni giorno per 30 minuti, mentre per il resto del tempo a giorni alterni.

Davanti allo specchio

Per i primi giorni è bene eseguire i movimenti davanti allo specchio per controllare che vengano fatti in maniera corretta; poi una volta imparato si può decidere di dedicarsi alla ginnastica facciale in ogni momento libero, anche quando si guarda la televisione o si legge un libro. Fondamentale però la costanza: se i movimenti non vengono eseguiti con regolarità, ogni giorno, come qualsiasi altro tipo di allenamento non danno effetti.

 

 
 
 

Da sapere!

Nelle librerie esistono molti volumi dedicati alla ginnastica facciale, con tutti i movimenti da eseguire.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti