Il sole invecchia la pelle: il 70% delle rughe è dovuto ai raggi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/08/2015 Aggiornato il 13/08/2015

Attenzione al sole: invecchia la pelle. Per questo è fondamentale non dimenticarsi mai di mettere la protezione solare, anche se in estate si resta in città

Il sole invecchia la pelle: il 70% delle rughe è dovuto ai raggi

Uno dei ricordi meno piacevoli di una vacanza al mare o in alta montagna è ritrovarsi con qualche ruga in più sul viso. Tutta colpa del sole che, confermano gli esperti, invecchia la pelle.

Boom di radicali liberi

Studi recenti hanno dimostrato, infatti, che il 70% dell’invecchiamento cutaneo è dovuto proprio ai raggi che penetrando in profondità alterano le strutture elastiche della pelle, facendole perdere compattezza, e favoriscono la produzione di radicali liberi, molecole tossiche che accelerano il processo di invecchiamento cutaneo.

Al sole sì, ma con cautela

È necessario, quindi, rinunciare al sole in nome della bellezza e della giovinezza della pelle? Assolutamente no; se è vero, infatti, che il sole invecchia la pelle, è altrettanto vero che con la giusta protezione molti danni si possono contenere. Per contrastare la formazione delle rughe è indispensabile proteggersi sempre con un solare con un fattore di protezione tanto più alto quanto più delicata è la cute. Importante è utilizzare il solare sempre, non solo quando si è al mare, ma anche in montagna, al lago, quando si fa sport oppure una gita in campagna. Anche in città il sole scotta e invecchia la pelle: ecco perché è bene applicare il solare sulle parti lasciate libere dagli abiti.

Un aiuto dagli integratori

Utile è anche preparare la pelle all’incontro con il sole, assumendo un integratore: a base di sostanze come il betacarotene, prezioso per la sintesi della melanina, rafforza le difese cutanee; andrebbe preso un mese prima di esporsi, continuando ad assumerlo anche durante la vacanza e almeno quindici- venti giorni dopo.

Non dimenticare il doposole

Fondamentale anche riparare a sera i danni che la cute ha subito di giorno per l’aggressione del sole. Serve quindi un doposole che restituisca idratazione e nutrimento, innanzitutto, e grazie alla presenza di antiossidanti, argini l’azione dannosa dei radicali liberi. Anche al rientro l’attenzione non deve calare: formulazioni ricche di principi attivi idratanti, elasticizzanti e protettivi come l’acido ialuronico, le ceramidi, le vitamine E e C, gli antiossidanti ricavati da sostanze vegetali sono preziosi per ridare equilibrio alla cute, rendere meno evidenti le rughette della secchezza e prevenire la comparsa di solchi più profondi e visibili.

Un trattamento dal medico

Al ritorno dalle vacanze può essere utile anche prenotare dal medico estetico qualche seduta di biorivitalizzazione per restituire all’epidermide la giusta idratazione. Si tratta di microiniezioni di vitamine e sostanze rigeneranti che penetrando a fondo rigenerano e riparano rendendo meno visibili le rughe.

 

 
 
 

da sapere!

Nel caso di rughe e macchie scure molto accentuate, si può ricorrere al laser frazionato. I risultati sono ottimi, in una sola seduta che viene eseguita ambulatorialmente utilizzando una crema anestetica.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti