In forma dopo il parto? Prova la bicicletta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/08/2013 Aggiornato il 01/08/2013

Si tratta di un ottimo mezzo per tornare in forma dopo il parto. Non si può, però, cominciare troppo presto: l’ideale è aspettare almeno un mese

In forma dopo il parto? Prova la bicicletta

Alleata per ritornare in forma dopo il parto e snellire la silhouette appesantita dalla gravidanza, la bicicletta è da consigliare vivamente alle neomamme. Non subito però. Dopo il lieto evento, le amanti delle pedalate dovrebbero avere un po’ di pazienza e attendere qualche settimana prima di rimettersi in sella.

Tanti benefici

Le passeggiate in bicicletta sono l’ideale per bruciare calorie e sollecitare i muscoli di tutto il corpo, senza sforzi eccessivi. Ma non sono utili solo per ritornare in forma dopo il parto. Pedalare all’aria aperta è un toccasana anche per rilassarsi e rigenerarsi, oltre che per migliorare l’umore.

Attenzione ai punti della ferita

È meglio, però, non avere fretta. Prima di riprendere a pedalare è necessario aspettare qualche settimana. Gli ostacoli, se così si possono chiamare, alla ripresa dell’attività fisica in sella, sono i punti: sia quelli perineali, conseguenti all’episiotomia (taglio praticato durante il parto naturale), sia quelli addominali, nel caso in cui si abbia avuto un parto cesareo. La bicicletta, a causa della posizione seduta e delle sollecitazioni della sella, impone un po’ di pazienza.

Meglio avere l’ok del ginecologo

Trascorso circa un mese dalla nascita del bebè e ottenuto il nulla osta del medico curante, la neomamma può dedicarsi di nuovo allo sport. Per ritornare in forma dopo il parto può saltare in sella e smaltire così i chili di troppo senza nessun rischio.

In breve

IN TUTTA SICUREZZA

Per ritornare in forma dopo il parto, la biciletta è l’ideale. Qualche cautela però è d’obbligo. Innanzitutto, meglio evitare le strade troppo trafficate o i percorsi accidentati, che aumentano il rischio di cadute. Da preferire, i percorsi ciclabili, più sicuri, in mezzo alla natura. Sì, poi a indossare gli appositi pantaloncini imbottiti che diminuiscono le irritazioni intime.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti