In forma dopo il parto? Prova la bicicletta

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 01/08/2013 Aggiornato il 01/08/2013

Si tratta di un ottimo mezzo per tornare in forma dopo il parto. Non si può, però, cominciare troppo presto: l’ideale è aspettare almeno un mese

In forma dopo il parto? Prova la bicicletta

Alleata per ritornare in forma dopo il parto e snellire la silhouette appesantita dalla gravidanza, la bicicletta è da consigliare vivamente alle neomamme. Non subito però. Dopo il lieto evento, le amanti delle pedalate dovrebbero avere un po’ di pazienza e attendere qualche settimana prima di rimettersi in sella.

Tanti benefici

Le passeggiate in bicicletta sono l’ideale per bruciare calorie e sollecitare i muscoli di tutto il corpo, senza sforzi eccessivi. Ma non sono utili solo per ritornare in forma dopo il parto. Pedalare all’aria aperta è un toccasana anche per rilassarsi e rigenerarsi, oltre che per migliorare l’umore.

Attenzione ai punti della ferita

È meglio, però, non avere fretta. Prima di riprendere a pedalare è necessario aspettare qualche settimana. Gli ostacoli, se così si possono chiamare, alla ripresa dell’attività fisica in sella, sono i punti: sia quelli perineali, conseguenti all’episiotomia (taglio praticato durante il parto naturale), sia quelli addominali, nel caso in cui si abbia avuto un parto cesareo. La bicicletta, a causa della posizione seduta e delle sollecitazioni della sella, impone un po’ di pazienza.  

Meglio avere l’ok del ginecologo

Trascorso circa un mese dalla nascita del bebè e ottenuto il nulla osta del medico curante, la neomamma può dedicarsi di nuovo allo sport. Per ritornare in forma dopo il parto può saltare in sella e smaltire così i chili di troppo senza nessun rischio.

In breve

IN TUTTA SICUREZZA

Per ritornare in forma dopo il parto, la biciletta è l’ideale. Qualche cautela però è d’obbligo. Innanzitutto, meglio evitare le strade troppo trafficate o i percorsi accidentati, che aumentano il rischio di cadute. Da preferire, i percorsi ciclabili, più sicuri, in mezzo alla natura. Sì, poi a indossare gli appositi pantaloncini imbottiti che diminuiscono le irritazioni intime.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti