In forma dopo il parto: sport e dieta sì, ma quando?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 30/07/2013 Aggiornato il 30/07/2013

Per tornare in forma dopo il parto meglio dedicarsi allo sport e scegliere una dieta adeguata. Ecco con quali tempi

In forma dopo il parto: sport e dieta sì, ma quando?

Per tornare in forma dopo il parto e recuperare la forma fisica pre-gravidanza, è necessario vincere la pigrizia e prepararsi a seguire sia un programma di allenamento, fatto di sport e “fatica”, sia una dieta adeguata. Presto, ma non subito, però: meglio attendere qualche settimana dopo la nascita del bebè.

La dieta: equilibrata e non drastica

Per tornare in forma dopo il parto, la neomamma durante le prime settimane di vita del piccolo, soprattutto se lo allatta al seno, dovrebbe scegliere una dieta salutare ed equilibrata. Via libera agli alimenti genuini, in particolare verdura, frutta, fibre e cereali integrali. Da evitare o limitare al massimo, invece, i piatti troppo elaborati, le fritture, gli alimenti ricchi di grassi e conservanti, il sale, i dolci, le bevande ipercaloriche e gassate. Fondamentale non saltare i pasti, mettendo in conto, ogni giorno, due spuntini spezza-fame a base di frutta o yogurt. Il consiglio è tagliare le calorie introdotte con la dieta, ma senza esagerare se si allatta. Un regime alimentare più restrittivo si può adottare, sempre dietro consiglio medico, ad allattamento al seno concluso o, se non si allatta, dopo uno-due mesi dal parto.

Lo sport: graduale ma costante

L’esercizio fisico è un grande alleato della neomamma che vuole recuperare forma ed energia dopo i nove mesi di dolce attesa. Sport sì, ma senza eccessi. L’ideale è cominciare gradualmente, a due o tre settimane dal parto, con le attività meno impegnative, come le passeggiate, per poi incrementare giorno dopo giorno il ritmo, passando all’allenamento in palestra o alle nuotate in piscina. Un mese dopo il parto, si può cominciare anche a sollecitare i muscoli della pancia, dedicando 20 minuti al giorno ad alcune sessioni di esercizi per gli addominali.

In breve

A VOLTE LA DIETA È NECESSARIA PER IL PICCOLO

Molte neomamme che allattano, complici le coliche che colpiscono i loro piccoli, sono costrette a seguire una dieta più restrittiva del previsto. Anche lo sport può diventare un “obbligo” nei primi mesi di vita del bebè: correre per gestire tutta la famiglia è un allenamento efficace.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Timori dopo l’ecografia morfologica

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quando l'ecografia morfologica rileva qualcosa che non torna rispetto ai parametri usuali la cosa migliore da fare per capire bene la situazione è certamente quella di ripetere l'esame dopo un certo lasso di tempo.   »

Bimbo che graffia gli amichetti: che fare?

10/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

I gesti poco opportuni compiuti tra il gruppo dei pari impediscono di creare relazioni soddisfacenti per chi li compie. Ma questo lo si impara vivendolo, con l'aiuto affettuoso e vigile di mamma e papà.   »

Fai la tua domanda agli specialisti