In Italia più interventi di chirurgia plastica che negli Usa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/05/2015 Aggiornato il 14/05/2015

Siamo un popolo di vanesi: aumentati del 6% gli interventi di chirurgia plastica rispetto all’anno precedente. Il doppio degli States. È boom di ritocchi

In Italia più interventi di chirurgia plastica che negli Usa

Italia batte Usa. Almeno per quanto riguarda i ritocchi al viso e al corpo. Secondo i dai dell’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica in Italia gli interventi di chirurgia plastica sono di più che negli Usa. Nel 2014 hanno superato, infatti, quota 1 milione, con un aumento del + 6,20% rispetto al 2013 e una crescita quasi doppia rispetto a quella americana (+3%), dove il ricorso al bisturi e ai trattamenti meno invasivi ha raggiunto comunque cifre da record con ben 15,6 milioni di interventi, secondo i dati della Società Americana di Chirurgia Plastica – SACP.

In Italia liposuzione e mastoplastica al top

Gli italiani allora sono sempre più vanitosi? Parrebbe proprio di sì considerato il dato che vede più interventi di chirurgia plastica in Italia che negli Usa, paese dove le pratiche chirurgiche vengono considerate una delle metodiche più efficaci e semplici per conquistare e preservare bellezza e giovinezza. I trattamenti più gettonati secondo l’Associazione di Chirurgia sono diversi però tra i due Paesi.  Per le italiane l’intervento più richiesto, sia pur con una lieve flessione tra il 2013 e il 2014, è la liposuzione con 43.989 operazioni seguita dalla mastoplastica additiva con 33.532 e dalla blefaroplastica con 32.000 (+1%).

Negli Usa glutei in primo piano

Cambiano invece le mode per le americane: le nuove statistiche della SACP mostrano che il lato B è in primo piano. Gli impianti e il sollevamento dei glutei sono, infatti, le procedure più gettonate in America: in particolare si è registrato un aumento del 15% tra il 2013 e il 2014 nelle procedure di aumento dei glutei con trapianto, un + 44% negli interventi di sollevamento e ben un + 98% negli aumenti con protesi.

In aumento anche il ricorso al botulino

Se in Italia gli interventi di chirurgia sono più che negli Usa, la situazione è simile anche per quanto riguarda la medicina estetica. Le procedure cosmetiche meno invasive e chirurgiche sono aumentate negli USA del 4% con più di 13,9 milioni di interventi nel 2014.  Anche in Italia crescono gli interventi di medicina estetica che costituiscono il 76% del totale e che registrano un aumento del 6,2% rispetto al 2013. In aumento soprattutto, con un + 22,9%, il ricorso alla tossina botulinica che con oltre 270.00 casi supera per la prima volta in Italia l’acido ialuronico (265.00 interventi, – 8,3%).

 

 

In breve

MOTIVAZIONI DIVERSE TRA UOMO E DONNA

Tra le motivazioni che spingono a ricorrere al bisturi e a tecniche soft, la paura di invecchiare rimane al primo posto, ma mentre l’uomo in entrambi i Paesi si “ritocca” soprattutto per esibizionismo, la donna lo fa per compiacere se stessa.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti