La chirurgia estetica diventa smart

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/11/2015 Aggiornato il 03/11/2015

Tecniche veloci che fanno risparmiare tempo, denaro e dolore. È l’ultima frontiera della chirurgia smart

La chirurgia estetica diventa smart

 

Non c’è crisi che tenga. La chirurgia plastica in Italia vede numeri in costante crescita. Nel 2014, per esempio, gli interventi sono stati circa un milione con un incremento del 3% rispetto all’anno precedente e anche per il 2015 le prospettive sono di un’ulteriore crescita. Per il terzo anno consecutivo l’intervento più richiesto in Italia è la liposuzione a cui seguono la mastoplastica additiva e la blefaroplastica, la ricostruzione della palpebra per minimizzare i segni dell’età che avanza.

Al top la laserlipolisi

La tendenza più forte nel settore è rappresentata dalla chirurgia smart, un termine che sta a indicare gli interventi in versione “rapida” che fanno risparmiare denaro, ma anche tempo e dolore rispetto alla versione classica. Tra gli interventi più gettonati della chirurgia smart c’è la liposuzione che aspirando il grasso permette di eliminare gli accumuli localizzati più tenaci, resistenti a dieta e ginnastica. In versione smart la laserlipolisi, altro termine con cui si indica la liposuzione, utilizza cannule di calibro più piccolo rispetto a quella tradizionale che fanno incisioni piccolissime e rendono l’intervento meno traumatico sia durante l’esecuzione sia, dopo perché limitano la comparsa di ematomi. È possibile però intervenire solo su aree limitate e questo spinge spesso a sottoporsi a più sedute per raggiungere il rimodellamento desiderato.

Viso in primo piano

Altro intervento di chirurgia smart è il lifting utilizzato per dare un aspetto più fresco e giovane al viso. Nella tecnica smart il chirurgo non ricorre al bisturi come succedeva con il lifting classico, una procedura decisamente invasiva e a rischio di risultati poco naturali. Impiega invece tre metodiche diverse in associazione: il lipofilling cioè l’innesto di grasso che permette di ridare volume dove serve, il laser CO2 che elimina rughe, macchie e migliora il tono della pelle, e la laserlipolisi per aspirare il grasso nella parte bassa del viso, sotto il mento, qualora serva.

Si riducono anche i costi

I costi in questo caso si dimezzano ma occorre far attenzione che l’approccio, essendo molto soft, è adatto quando i segni dell’invecchiamento sul volto non sono particolarmente importanti. In tutti i casi occorre fare attenzione che la chirurgia smart, pur essendo un approccio efficace e innovativo, non è per tutti: deve essere il chirurgo con la sua esperienza a valutare con precisione il tipo di approccio per creare un intervento su misura che offra la massima certezza di risultato. Scegliere un chirurgo di provata professionalità rimane quindi la strada migliore per chi vuole approcciare la chirurgia estetica senza rischi.

 

 

 

 

 

 

 
 
 

lo sapevi che? 

 Per una liposuzione classica i costi variano da 1.500 euro per il viso a 3.000 euro circa per cosce e glutei.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti