La cosmetica che piace alle donne è sempre più green

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 21/04/2021 Aggiornato il 21/04/2021

Piacciono sempre più i cosmetici green, con ingredienti naturali e confezioni rispettose dell’ambiente

La cosmetica che piace alle donne è sempre più green

Non ci sono dubbi. I cosmetici che oggi piacciono sono green e sostenibili. In una parola, rispettano la pelle e insieme l’ambiente, scegliendo formule il più possibile naturali e pack che non inquinano. I numeri parlano da soli: tra il 2018 e il 2019 la crescita del mercato della cosmesi verde si può stimare attorno a 5 punti percentuali. E come sostiene Benedetto Lavino, vicepresidente di Cosmetica Italia, interrogati sul futuro del settore gli operatori hanno sottolineato che le parole vincenti della cosmetica che verrà sono proprio sostenibilità e naturale/biologico, un’ulteriore dimostrazione di quanto i prodotti a connotazione naturale e sostenibile siano sempre più una parte strategica del mondo della bellezza. Non a caso Cosmetica Italia ha voluto dedicare una commissione interna proprio alla definizione di parametri che permettessero di classificare e quantificare il mercato dei cosmetici green, affinando quelli impiegati nelle precedenti rilevazioni. Anche perché a oggi non esiste una legge che permetta di definire con precisione cosa sia un cosmetico green.

C’è green … e green

«Dal punto di vista regolatorio» continua l’esperto «tutti i cosmetici, che siano a connotazione naturale o meno, devono rispettare le norme del Regolamento europeo 1223/2009 che garantisce la sicurezza dei prodotti e, in questo modo, tutela la salute del consumatore». Cosmetica Italia, per permettere le rilevazioni statistiche sul settore e sul trend in costante crescita dei prodotti green, ha sentito l’esigenza di tracciare un perimetro di classificazione individuando due aree. La prima, continua nella sua spiegazione l’esperto, è quella dei cosmetici a connotazione naturale/biologica, la seconda quella dei cosmetici con connotazione di sostenibilità ambientale/green.
In base a questi parametri di classificazione è stato possibile verificare che il valore dei cosmetici a connotazione naturale/biologica è stato nel 2020 di 778 milioni di euro, mentre quello dei cosmetici sostenibili/green è stato di 876 milioni di euro. «La sovrapposizione dei due insiemi, ovvero delle imprese che adottano processi o producono cosmetici legati alla sostenibilità e di quelle che fabbricano cosmetici naturali/biologici, raggiunge i 925 milioni di euro, cifra importante che segnala quando la cosmetica green continui ad essere nel cuore dei consumatori» spiega Lavino.

I canali di acquisto più utilizzati

Ma dove vengono acquistati maggiormente i cosmetici green? Il 44,7% nella grande distribuzione a cui seguono i saloni professionali di acconciatura ed estetica (18,7%) e la profumeria (11,2%). Significativo anche il peso delle vendite dirette che rappresentano il 10,3%. I cosmetici green più acquistati sono quelli per capelli che rappresentano il 33,1% delle vendite totali seguiti dalla cura della pelle (30,6%) e dal make-up (23,2%).

I segni della crisi

Ovviamente anche la cosmetica ha dovuto fare i conti con la pandemia e la crisi economica che ha portato. Lo testimoniano i dati in negativo che segnano per il 2020 una contrazione del -12,8% rispetto al 2019. Ma c’è un lato positivo della questione. «Il cosmetico resta, infatti, un bene indispensabile nella vita di tutti i giorni, un alleato per accompagnare i gesti di igiene e cura di sé che trova sempre e comunque un suo spazio negli acquisti degli italiani» conclude il vicepresidente di Cosmetica Italia.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Nella grande famiglia dei cosmetici green ci sono sia quelli con connotazione di sostenibilità ambientale/green, sia quelli a connotazione naturale/biologica.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti