La ginnastica per rassodare il seno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/05/2013 Aggiornato il 23/05/2013

Per far ritornare il décolleté come prima della gravidanza servono movimenti specifici, a corpo libero oppure con l’aiuto di piccoli pesi. Ecco gli esercizi di ginnastica più indicati per il seno

La ginnastica per rassodare il seno

Non è un muscolo, eppure la ginnastica può fare molto per il seno. Gli esercizi agiscono infatti in modo indiretto, in quanto rinforzano e tonificano tutta la muscolatura che circonda il décolleté al fine di rialzare, come effetto conseguente, anche il seno. La ginnastica “giusta” per il seno stimola innanzitutto i pettorali, che sono posizionati esattamente sotto la ghiandola mammaria e si estendono, all’incirca, in senso diagonale dalla spalla alle costole. Con gli esercizi, queste fasce muscolari si accorciano e si gonfiano e il seno appare subito più alto e sodo. È importante poi tonificare anche le braccia e le spalle, in quanto il décolleté vi è collegato tramite un intreccio di fasce muscolari: fortificandole, si aiuta il seno a resistere meglio alla forza di gravità e ad apparire più pieno e compatto. Naturalmente, la ginnastica per il seno dà buoni risultati se si inizia subito dopo il parto e se la si pratica con costanza. Ecco il programma:

Riscaldamento e defaticamento

1 In piedi o sedute con le gambe incrociate, portare il gomito sinistro in alto e quello destro in basso e poi cercare di afferrarsi le dita dietro la schiena. Rimanere in tensione per 20 secondi e poi invertire le braccia. Ripetere due volte.

2 In piedi o sedute con le gambe incrociate, portare le braccia dietro la schiena e prendere il polso destro con la mano sinistra, tirando dolcemente di lato per 20 secondi. Eseguire anche con l’altro braccio, fare una pausa e ripetere ancora una volta.

Per tonificare

3 In piedi o sedute su una sedia, distendere le braccia all’altezza delle spalle e afferrare con le mani gli avambracci, spingendo ritmicamente. Se l’esercizio è eseguito in maniera corretta, si può vedere il muscolo pettorale che si contrae e si rilassa, facendo muovere il seno. Eseguire tre serie da 20.

4 Sedute a gambe incrociate, alzare le braccia all’altezza delle spalle e fare in modo che i palmi si tocchino l’uno con l’altro, con le dita rivolte verso il petto. Spingere con forza sulle mani per 20 secondi, fare una pausa e poi ripetere altre tre volte.

5 In piedi, al centro degli stipiti di una porta, attaccarsi bene alle pareti e poi piegarsi in avanti fino a distendere le braccia, mantenere la posizione per 20 secondi e poi ritornare alla posizione di partenza. Ripetere tre volte.

6a + 6b In piedi, a circa un metro da una parete, divaricare leggermente le gambe e appoggiare le mani al muro all’altezza delle spalle. Senza inarcare la schiena, piegare e distendere le braccia per dieci volte. Ripetere tre volte. Per aumentare la difficoltà dell’esercizio, allontanarsi un po’ di più dalla parete.

7a + 7b Mettersi in ginocchio con le gambe unite leggermente spostate all’indietro, in modo da averle più distese, e i palmi delle mani appoggiati a terra aperti oltre la larghezza delle spalle. Piegare piano le braccia fino a toccare quasi con la testa per terra e ritornare alla posizione iniziale, avendo cura di non inarcare la colonna vertebrale e di mantenere il collo in linea con la schiena. Ripetere due serie da otto.

Per rinforzare

8 In piedi, con le gambe leggermente divaricate, impugnare un peso per mano e distendere le braccia all’esterno. Senza piegare i gomiti, compiere dei piccoli cerchi con le braccia, in senso orario e antiorario, per trenta secondi. Fare una pausa e poi ripetere per altre due volte.

9a + 9b In piedi a gambe divaricate, aprire le braccia e piegare i gomiti a 90 gradi, impugnando un peso per mano. Facendo attenzione a non muovere le spalle e la parte superiore delle braccia, alzare e abbassare lentamente gli avambracci. Fare tre serie da 10.

10a + 10b In piedi, con le gambe leggermente divaricate, la schiena e il collo dritti, le braccia lungo i fianchi e un peso per mano, sollevare molto lentamente le braccia fino all’altezza delle spalle e poi riabbassarle fino alla posizione di partenza. Ripetere tre serie da 10.

11a + 11b In piedi, con le gambe divaricate, le braccia distese, i pesi appoggiati alle cosce, piegare i gomiti fino a portare le mani alle spalle e ritornare alla posizione di partenza. Perché l’esercizio sia efficace, è necessario che siano soltanto gli avambracci a muoversi, mentre la schiena e la parte superiore delle braccia devono rimanere fermi. Eseguire tre serie da 10.

12 In piedi, con la gamba destra piegata in avanti e la sinistra distesa dietro, la mano destra appoggiata sulla coscia destra e la mano sinistra che impugna un peso, spingere il braccio sinistro indietro e poi riportarlo in basso, senza inarcare la schiena durante il movimento. Ripetere due serie da 10.

13a + 13b Sedute a gambe incrociate, impugnare due pesi e aprire all’esterno le braccia, piegando i gomiti in modo da formare con l’avambraccio un angolo di 90 gradi. Facendo attenzione a mantenere i gomiti ad altezza delle spalle e a non abbassarli, chiudere le braccia fino a far toccare i pesi tra di loro e ritornare alla posizione di partenza. Ripetere tre serie da 10.

14 Sdraiate a terra sulla schiena, un peso per ciascuna mano, braccia allargate e distese all’altezza delle spalle, alzare le braccia tese fino a che i pesi si tocchino e tornare nella posizione di partenza, senza appoggiare le mani a terra. Ripetere tre serie da 10.

15a + 15b Sdraiate supine, con le gambe leggermente piegate, impugnare un peso e portare le braccia in alto perpendicolari al petto. Molto lentamente, spostare il peso dietro la testa e poi, senza fermarsi, ritornare con le braccia sollevate. Ripetere tre serie da 10.

In breve

È LA MUSCOLATURA CHE VA TONIFICATA

Alla fine dell’allattamento il seno può apparire svuotato e cadente, come conseguenza dei cambiamenti che ha dovuto affrontare in preparazione delle poppate. La ginnastica può essere di grande aiuto per migliorare la tonicità e l’aspetto complessivo del seno, in quanto agisce sulla muscolatura che circonda il décolleté e lo sostiene.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti